Quotidiani locali

Defibrillatori col "marchio" 5 Stelle, le scuole rifiutano il dono

Gli strumenti erano stati acquistati devolvendo i gettoni dei consiglieri regionaIi e nel pannello informativo c'era in bella vista il simbolo del Movimento. Le tre scuole: "Bellissima iniziativa, ma così non potevamo accettarlo"

CASTELFRANCO DI SOTTO. A far storcere la bocca praticamente a tutti, anche alle scuole che avevano dato il proprio sì, è stato il simbolo dei Cinque Stelle posizionato in bella mostra sui pannelli informativi che avrebbero dovuto accompagnare i defibrillatori. Da una parte le istruzioni per l'uso, dall'altra il simbolo per ricordare la paternità dell'iniziativa. Una scelta che alla fine ha portato tre scuole su tre a ripensarci, facendo marcia indietro all'ultimo momento.

Si è risolta praticamente in un nulla di fatto, la mattina di venerdì 17 giugno, l'annunciata consegna dei defibrillatori in tre scuole di Castelfranco e Santa Croce. Un'iniziativa lanciata dai consiglieri regionali del movimento Cinque Stelle, con l'adesione di quelli comunali, che attraverso la "restituzione" dei rispettivi gettoni di presenza hanno acquistato 100 defibrillatori (10 per ogni provincia) da donare alle scuole, alle associazioni e alle strutture sportive della Toscana. Tre gli apparecchi che erano stati destinati a Castelfranco, di cui uno "dirottato" alla scuola di Staffoli dopo il rifiuto di quella di Orentano, e gli altri due destinati alla scuola media del capoluogo e alla scuola d'infanzia Giovanni XXIII.

Così, venerdì mattina, i consiglieri regionali del movimento Giacomo Giannarelli, Gabriele Bianchi, Enrico Cantone ed Irene Galletti si sono presentati davanti alla scuola media Leonardo da Vinci, insieme ai consiglieri comunali Cristina De Monte e Luca Trassinelli, per distribuire gli apparecchi nelle tre scuole.

Già nel pomeriggio di giovedì, però, la dirigente del comprensivo, Maria Elena Colombai, dopo aver visto le immagini (inviate via mail) di quello che i Cinque Stelle avrebbero consegnato, ha contattato Trassinelli per far sapere che la scuola non era più intenzionata ad accettare. «Abbiamo cercato di trovare un compromesso - ha spiegato Trassinelli - ma ci è stato detto che non era possibile fare entrare nella scuola un cartello con un simbolo politico».

Simbolo che poco dopo ha fatto sobbalzare anche i membri del consiglio di amministrazione dell'asilo Giovanni XXIII. «Accettiamo il defibrillatore - ha detto un consigliere - ma non possiamo prendere il cartello». Una richiesta, però, sulla quale il consigliere regionale Giannarelli è stato inamovibile: «È una posizione legittima - ha risposto - e ci scusiamo se da parte nostra è mancata l'informazione, però ci sono anche scuole che hanno accettato il defibrillatore così com'è. Il simbolo serve per dire che il movimento fa quel che dice: vorremmo piuttosto che anche altri partiti ci seguissero. È comunque un pannello informativo: non è possibile consegnare l'apparecchio senza il cartello».

Alla fine, l'asilo ha deciso di prendere il defibrillatore provvisoriamente, in attesa di riunire il Cda per decidere cosa fare, anche se la linea sembra orientata a non accettare simboli di natura politica. Poco dopo, mentre i consiglieri Cinque Stelle abbandonavano l'asilo, una telefonata informava che anche l'istituto comprensivo di Santa Croce, al quale fa capo la scuola di Staffoli, aveva assunto la stessa linea di quella di Castelfranco.

«Da parte nostra non c'è stata alcuna preclusione - spiega la dirigente Colombai -. È una bellissima iniziativa, ma nelle strutture pubbliche

non possiamo far entrare il simbolo di un movimento politico. Appena ho visto la foto ho chiesto di avere il defibrillatore senza il pannello, come hanno fatto del resto anche altre associazioni. Mi sono sentita con la collega di Santa Croce che ha convenuto con me su questa posizione».

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Pontedera Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro