Quotidiani locali

basket serie B 

Si ferma in riva al Lago Maggiore la grande corsa di Montecatini

La “bestia nera” Mamy Oleggio la spunta per 71-70

CASTELLETTO TICINO. Il Settebello non esce dal mazzo rossoblù. La corsa di Montecatiniterme Basketball si interrompe sabato 10 febbraio dopo sei successi in fila in riva al Lago Maggiore, al termine di un match molto combattuto che premia il Mamy Oleggio (71-70), ufficialmente la bestia nera dei termali dato che ha ottenuto i due punti sia all’andata che al ritorno.

Nessun dramma ovviamente in casa termale, salita a Castelletto con le stampelle ma che è riuscita ugualmente a spremere una gara di grande sostanza e coraggio, comunque non in linea con gli standard degli ultimi tempi. Ciò nonostante, i termali si sono arresi soltanto all’ultima azione, che peraltro poteva avere una conclusione diversa e sigillare, clamorosamente, la settima vittoria di fila dei ragazzi di Campanella.

L’inizio di gara è favorevole ai padroni di casa, che entrano nel match decisi a rompere il digiuno di vittorie che dura da 4 partite così da allontanarsi dalla zona playout. Il nuovo acquisto Canavesi, al debutto casalingo, mette subito due punti facili, Gallazzi disegna due triple e dopo 4’ i padroni di casa salgono sul 15-7.

I rossoblù, privi di Galli (out un mese) e con Meini e Galmarini in campo con problemi vari e poca benzina nelle gambe, ci mettono un po’ a entrare in partita. La sveglia la suona Galmarini con rimbalzi, assist e una stoppata, trovando l’energia per dominare nel pitturato. Le triple di Petrucci completano la rimonta proprio alla fine del primo quarto (21-20).

Nel secondo quarto Oleggio rimette la testa avanti, la coppia Gallazzi-Marusic fa molto male e i rossoblù non trovano continuità. Qualche buona iniziativa di Centanni ed una difesa sempre più intensa permettono a Montecatini di rimettere la testa avanti, andando al riposo in un vantaggio sostanzialmente meritato (38-40).

Il terzo quarto inizia con gli appoggi di Galmarini e Meini per il +6 esterno (38-44), con i rossoblù che non concretizzano tante occasioni per allungare, per esempio un antisportivo fischiato su Petrucci, commettendo tre falli offensivi consecutivi.

Allora è la difesa il posto dove Montecatini deve cercare le sue certezze, e Oleggio per i primi 7’ segna solo 3 punti con Gallazzi. I padroni di casa si affidano a personalismi che premiano ancora Gallazzi e Marusic, i rossoblù tornano nell’antico vizio dei liberi sbagliati (3/9 nel quarto) e si entra negli ultimi 10’ con il punteggio in bilico (52-55).

Oleggio tira molto bene da tre punti (9/16) ed è con le triple che resta in scia ai rossoblù, i quali in attacco non brillano per scelte. Tant’è che al 35’ Hidalgo firma il contropiede con cui il Mamy si riporta in vantaggio dopo tanto tempo (63-62).

Provvidenziale time out di Campanella, Petrucci e Centanni rivedono il campo ma è ancora Hidalgo a far male alla difesa termale (69-64 al 38’). Ma arrivano in attacco i principali problemi di Montecatini, che non ha la continuità dei giorni migliori.

Centanni forza qualcosina di troppo, Oleggio prende coraggio e un canestro di Marusic a 1’20” dalla fine sembra mettere la parola fine (71-65).

Oleggio però deve fare i conti con il grande cuore rossoblù, Centanni inventa due canestri di grande classe e Montecatini riesce ad arrivare a giocarsi la vittoria (71-70).

A 10” dalla fine, i rossoblù rimettono in zona d’attacco, Centanni lavora in palleggio (forse un po’ troppo) ma riesce a servire Meini che, liberissimo, spara la tripla della possibile vittoria: il ferro spegne le speranze rossoblù,

che dopo due mesi ritrovano la sconfitta.

Ora non è certo il momento di allentare la presa: Montecatini ha dimostrato ampiamente di avere a portata di mano obiettivi stagionali di grande livello. Basta crederci.

Raffaello De Maio
 

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Pistoia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Premio ilmioesordio, invia il tuo libro