Quotidiani locali

Ferrari: felice del gol perché in tribuna c’era la mia famiglia

Il bomber arancione doppiamente contento del successo Infermeria affollata con Mulas, Zullo e Rossini da valutare

PISTOIA. Sette gol in 14 partite giocate, ed anche un rigore sbagliato, una proiezione di una rete segnata ogni 180' e la sensazione di avere fra le mani un attaccante come poche volte si è visto a queste latitudini. La vittoria col Piacenza che ha ridato la zona playoff alla Pistoiese, 10° posto a parimerito con l'Arezzo ma al momento conta lo scontro diretto in favore degli arancioni, ha fatto vedere una truppa arancione in grande spolvero con il capopopolo Franco "El Loco" Ferrari in formato monstre.

Un match incredibile con due occasioni da gol, una rete di opportunismo, spirito di sacrificio ed una semirovesciata all'84' che, qualora fosse entrata, sarebbe stata indubbiamente il gol dell'anno.

«Se entrava anche quella sarebbe stata una domenica trionfale ma vi giuro che è uscita di un soffio - dice Ferrari - e sarebbe stato bellissimo. Sono contento di aver giocato una partita del genere di fronte alla mia famiglia che si è fatta 12.000 chilometri in aereo per venirmi a vedere perché era qualche mese che volevano stare con me. E' una vittoria importante a livello mentale perché ci aiuta molto a tutti quanti e penso che ce la meritiamo davvero. Sapevamo, e l'avevamo preparata bene a riguardo, come gioca il Piacenza che ha fatto la sua partita ed alla fine siamo stati bravi a concretizzare in attacco ed a tenere in difesa nei momenti più difficili». A quattro giornate dalla fine del girone d'andata la Pistoiese è sicuramente in crescita. E se hai dalla tua parte un opportunista come Franco Ferrari tutto viene più facile: il Piacenza ne ha fatto le spese sulla propria pelle, l'auspicio è di dare continuità anche contro l'Arzachena altro scontro diretto. «Il gol? Sicuramente voluto - conferma El Loco - perché ho visto il taglio di Juan Surraco ed allora ho calciato di prima intenzione sul primo palo. Sono ovviamente contento per i 7 gol ma, come dico sempre, se li faccio è perché tutta la squadra mi mette nelle condizioni di segnare. La classifica? Aspettiamo almeno dicembre per guardarla perché sappiamo che finora abbiamo affrontato il campionato come se la partita in arrivo fosse l'ultima per poter dare tutti quanti il massimo».

Infermeria. Il successo contro il Piacenza porta, però, strascichi pesanti di infortuni. Mulas è uscito per un affaticamento a 20' dalla fine, Zullo ha rimediato una distorsione alla caviglia e sarà rivalutato nelle prossime ore mentre per Rossini
si parla di uno stiramento al bicipite femorale. Oggi, per tutti, ci saranno visite di controllo ma l'ex Livorno con l'Arzachena non ci sarà quasi sicuramente. Per fortuna che, finita la squalifica, torna capitan Hamlili in mezzo al campo.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Pistoia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista