Quotidiani locali

serie d 

L’americano del Montecatini con cognome e grinta di Madonna

MONTECATINI. Parla con la classica cadenza degli italiani di seconda e terza generazione che popolano il Nord America, ha la faccia pulita e modi garbati. Stiamo parlando di Cristiano Ciccone,...

MONTECATINI. Parla con la classica cadenza degli italiani di seconda e terza generazione che popolano il Nord America, ha la faccia pulita e modi garbati. Stiamo parlando di Cristiano Ciccone, ragazzino del 1995, uno che l’Oceano lo ha attraversato in senso inverso rispetto a chi andava e va ancora a cercare fortuna. Lui, dalla lontana e fredda Vancouver è voluto emigrare sul suolo italico per imparare a giocare a calcio, lo sport che nel suo cuore ha prevalso su basket, hockey, football americano e baseball. Dopo una breve tappa professionale al Lotte in Germania, in Italia prova ritagliarsi un po’ di spazio con Colligiana, Mantova, e Messina. Non sono tutte esperienze positive specie quella siciliana e Cristiano sembra sul punto di mollare. Poi approda al Montecatini e mister Pino Murgia, un altro che conosce bene la vita dei giramondo del calcio, non esita gettarlo subito nella mischia nel match vittorioso di domenica scorsa con l’Albissola. È un centrocampista ordinato, diligente ed in possesso di un buon tiro anche se non ha nelle gambe 90 minuti e deve entrare bene negli automatismi del gioco. Però è proprio sulla mediana che il Montecatini ha bisogno di qualità adesso e Ciccone può far veramente comodo alla causa biancoceleste in quel reparto. «Ho trovato una seconda famiglia qui – dice sorridendo – a cominciare dal direttore generale Fabrizio Giovannini per proseguire col medico sociale Paolo Montalto, il mister e tutti i compagni. Adesso tocca a me dimostrare quanto valgo e ripagare la società per la
fiducia che ha riposto nella mia persona. Conosco poco la categoria ma ho visto un Montecatini combattivo, che ha fame è questo è un bel segnale per una squadra che deve salvarsi». Oggi intanto amichevole di lusso al Mannucci ore 15) contro i padroni di casa del Pontedera. (r.g.)

TrovaRistorante

a Pistoia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista