Quotidiani locali

The Flexx, non basta il record di Petteway

Biancorossi fermi da 40 giorni a quota 20 nonostante i 323 punti dell’americano

PISTOIA. E' il miglior realizzatore della The Flexx (nonché 14° assoluto della Legabasket con 14 punti di media a gara). Ha sfondato quota 300 punti con Pistoia a campionato in corso, arrivando con i 27 del PalaTrento a quota 323. Eppure Terran Petteway rimane sul banco degli imputati, sempre più affollato in verità, di una squadra che da 40 giorni è ferma in classifica a quota 20. Pochi punti per pensare di essere davvero vicini alla salvezza? Per pensare di poter giocare un finale di stagione tranquillo e divertente?

Se sulla quota salvezza e playoff influiscono anche i risultati delle altre, numeri alla mano la The Flexx è perfettamente in linea con le scorse stagioni del Pistoia Basket. Per la terza stagione su quattro, i biancorossi hanno 20 punti dopo 23 giornate: unica eccezione quella passata, quando ne avevano già fatti 26; ma quella è stata la stagione dei record e può valere un discorso a parte. Gli stessi 20 punti attuali, li avevano anche le due squadre di Moretti nei primi due anni di A1. E se la neopromossa dei diavoli volanti con 5 vittorie su 7 gare finali, finì a 30 e staccò il pass playoff da ottava, l'anno dopo Amoroso e compagni, con 26, li mancarono di appena 2 punti.

Insomma la storia incoraggia la The Flexx a pensare che sia tutto aperto, anche se a voler mettere il dito nella piaga 20 punti i biancorossi li hanno fatti in 19 giornate e da 4 sono fermi al palo.

Allora se i confronti storici ricordano che questo è il range in cui si muove una società non ricca come il Pistoia Basket, che deve sperare di azzeccare tutte le scommesse per sorprendere, cosa c'entra l'altalena di Terran Petteway? C'entra perché con un giocatore che dopo 23 giornate è tra i primi 5 marcatori della storia recente del club, qualcosa in più ci si poteva aspettare. Da lui, che nonostante i grandi numeri, continua a spiazzare tanto è discontinuo, e da chi gli sta intorno, che chiaramente pecca. Soprattutto chi, come lui, ha il principale compito di buttarla dentro, voce alla quale in casa The Flexx mancano in troppi all'appello soprattutto nel gruppo made in Usa.

Perché il discontinuo Terran è l'unico che fa la differenza e anche per questo i suoi errori sono ancora più evidenti.Numeri alla mano Terran, a metà girone di ritorno, sopra i 300 punti in biancorosso raggiunge super-giocatori come Alex Kirk (375), Brad Wanamaker (357), Kyle Gibson (339) e JaJuan Johnson (334). Il tatuatissimo texano ha già messo dietro altri pezzi da novanta come Blackshear (265), Washington (259) e Knowles (250).

Giocatori che, a differenza di Petteway, trovavano spesso collaborazione offensiva nel resto della squadra. Cosa che in questa The Flexx manca: finora sono stati i lunghi a mascherare questo grosso limite ma ora il fisiologico calo di Crosariol lo sta riportando a galla.

Elisa Pacini

TrovaRistorante

a Pistoia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NOVITA' PER GLI SCRITTORI

Stampare un libro ecco come risparmiare