Menu

Ferrari cerca soci per competere tra i professionisti

Iscrizione obbligatoria entro il 30 giugno, con fidejussione di 700mila euro. Il nodo allenatore e quello dello stadio

PISTOIA. «La vecchia città dorme nell’attesa che sorga il sole giusto. A proposito, il sole che circola da queste parti, alla levata e al tramonto, è arancione!». La speranza è proprio questa. Che da stamani, con la Pistoiese di nuovo in C1 dopo cinque anni di dilettantismo, tutta Pistoia torni ad interessarsi anche del mondo del calcio.

Ma non servirà certo la frase storica del “Faraone” Marcello Melani, il presidente che ha portato oramai 34 anni fa la Pistoiese in serie A, a far splendere del tutto il sole sull’Us. Ora inizia un’avventura completamente diversa, un percorso molto più difficile ed oneroso che dovrà portare al consolidamento in un campionato professionistico, intanto partendo da questa società.

Perché il presidente Orazio Ferrari la promessa l’ha mantenuta, ed anzi è andato anche oltre grazie alla riforma dei campionati della Lega Pro che gli ha fatto vincere due stagioni in una, però adesso viene il bello. Una serie C, anche se basata sul tema principale della salvezza (ci mancherebbe altro) è molto dispendiosa e si impernia su tanti argomenti che, al momento, sono dei veri e propri punti interrogativi.

Il primo, anche se la sua soluzione appare davvero scontata, è quello legato al progetto tecnico intorno a Massimo Morgia. In questi mesi, 14 per la precisione, dal bilancio trionfale sul campo, Morgia è stato uomo-tuttofare sia in società che nel tentativo di ridare un’immagine positiva all’Us. Adesso ci sarà da capire quel che vorrà fare fra i professionisti: stare ancora in campo oppure dirigere tutto da fuori lasciando la panchina ad un suo uomo fidato e magari concentrarsi ancora di più sui giovani?

Il secondo punto interrogativo è quello societario. Parliamoci chiaro, e in una recente intervista al Tirreno lo stesso Orazio Ferrari lo ha fatto capire: da solo non ce la può fare a sostenere il peso di una C1. Cosa fare allora? Continuare con un uomo solo al comando che in qualche modo possa allestire la squadra quest’anno e poi rischiare di essere sull’orlo del precipizio fra 12 mesi? Ci vogliono nuovi soci, nuovi sponsor pronti a dare una mano e rafforzare una società che deve passare da un budget di 500mila euro ad uno di 2 milioni di euro nel giro di poche settimane.

Ovviamente ci si sta muovendo sottotraccia (in ponte addirittura un possibile accordo col Napoli di De Laurentiis per avere giovani da valorizzare), ma entro poche settimane dovrà venir fuori qualcosa di concreto: ricordiamoci che entro il 30 giugno bisogna avere le carte in regola per l’iscrizione con tanto di fidejussione da 700mila euro pronta in banca.

Il terzo punto interrogativo è quello delle infrastrutture. Si continuerà a giocare in uno stadio che sente il peso degli anni e che va avanti a ristrutturazioni. L’obiettivo minimo è aumentare la capienza fino a 5.500 spettatori grazie ai lavori di sistemazione della curva Nord.

E poi c’è da mettere a norma l’illuminazione e l’amianto in tribuna, per non parlare del canone di gestione dello stadio e del “Turchi”: quest’anno l’Us se l’è cavata col Comune con 15mila euro ma nel 2009 a Braccialini in C1 ne servirono 120mila.

E poi ci sono le squadre giovanili da far allenare: c’è in ballo Pistoia Ovest, ma anche qui bisognerà parlare col Comune per capire quel che la giunta Bertinelli ha intenzione di fare.

Il quarto, ed ultimo, punto interrogativo è quello della città. Perché se fino ad oggi ha dormito, e lo dimostrano i 700 spettatori di media alla domenica in serie D, da domani bisognerebbe che iniziasse a tornare a frequentare il “Melani”.

Già in C1 il livello calcistico è più che accettabile: ci saranno tanti

derby nel prossimo campionato, c’è bisogno di attirare quei giovani che in questi anni non hanno mai seguito le vicende arancioni e ci vuole un ambiente sereno, magari senza più i tifosi finti in gradinata. Allora si che quel sole che sorge sarà davvero arancione. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Pistoia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro