Menu

di Riccardo Agostini

Pistoiese, scende in campo Righi
«Ripartirò anche dalla serie D
e in un anno subito in Lega Pro»

Pronto il ricorso al Coni per riavere la Seconda divisione

PISTOIA. Arriva Salvatore Righi. L'imprenditore viareggino ieri ha incontrato l'amministrazione comunale, accompagnato dal dottor Rodolfo Banchi, per comunicare che intende fare di tutto per salvare la Pistoiese. Sarà lui, per il momento, a supportare Bortolotti, poi probabilmente a sostituirlo. Un incontro che ha seguito quello tra l'assessore Tuci e il presidente arancione Bortolotti. Salvatore Righi, quindi scende in campo in prima persona, confermando l'interesse e l'offerta fatta alcuni mesi fa.
«È vero - risponde Righi al telefono - mi sono incontrato con l'assessore allo sport per comunicargli la mia disponibilità ad aiutare Bortolotti, l'attuale proprietario della Pistoiese. Ho incontrato anche il presidente, al quale sto già dando una mano da giorni».
In pratica è stato chiamato in causa e lui non si è tirato indietro. «Fino ad oggi - prosegue - ho fornito all'attuale presidente della Pistoiese le risorse finanziare e tecnico-giuridiche per presentare il ricorso al Coni. Un ricorso predisposto da un legale di mia fiducia, l'avvocato Chiacchio. Un ricorso del quale ancora non sappiamo l'esito - la risposta sarà data il 23 prossimo - ma che potrebbe ancora garantire la Lega Pro alla Pistoiese».
Ma anche se la squadra arancione non dovesse superare questo ostacolo, lui rimarrebbe lo stesso. «Lotteremo fino in fondo - aggiunge - ma sono disposto anche a ripartire dalla serie D. In un anno saremmo di nuovo in Lega Pro».
Pare fare sul serio, quindi. «Ho già a disposizione - afferma - tutta una struttura tecnico finanziaria in grado di lavorare per il rilancio del calcio a Pistoia. Stiamo già lavorando».
Insomma, sarà Salvatore Righi, affiancato da Rodolfo Banchi, ad assicurare un futuro alla Pistoiese. Un sostegno che deve passare per forza attraverso l'attuale proprietario della squadra arancione, in quanto è l'unica riconosciuta dalla Lega. «Penso - dice - che Bortolotti sia stato raggirato. Mi pare sia poco pratico di questioni calcistiche. Mi sono sentito in dovere, quindi, di dargli un aiuto. E' lui il proprietario, e con lui troveremo un accordo. Mi dispiace solo di una cosa - sottolinea - che Braccialini abbia detto di me, per screditarmi, che ho fatto fallire la Massese. Non è vero, perché finché sono rimasto lì, eravamo nei play off, poi ho lasciato tutto ad altri e la Massese è fallita. Io avevo fatto un'offerta concreta ai Braccialini, 450.000 euro per il 70%, più tutta la gestione, bastava la rifiutasse. Poi ho saputo che ha venduto per 1 euro».
Infine, conclude: «La Pistoiese è della città. Vogliamo farla continuare ad esistere, con la collaborazione dell'amministrazione e dei pistoiesi. È un giocattolo dei pistoiesi. Entro la fine del mese, daremo l'annuncio
ufficiale, perché occorre fare in fretta».
Insomma il futuro del calcio a Pistoia, passa per Salvatore Righi che potrebbe subentrare a Roberto Bortolotti. E' solo questione di giorni. Entro la prossima settimana già potremmo sapere l'esito del ricorso alla Corte di Giustizia del Coni.

TrovaRistorante

a Pistoia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Stampare un libro risparmiando: ecco come fare