Quotidiani locali

Battaglia per la gestione della palestra Pertini

La società Ferrucci LIbertas, in una lettera pubblica, critica l'Amministrazione comunale di Pistoia che avrebbe concesso la palestra all'Olimpia seguendo un criterio ritenuto non corretto

PISTOIA.  «Il pasticcio della palestra Pertini». E’ questo il titolo della lettera che la società Ferrucci Libertas ha indirizzato alla stampa per ripercorrere storia e dichiarazioni politiche relative a quell’impianto che la Ferrucci ritiene le spetti e che invece è stata assegnata in gestione da parte dell’Amministrazione al Centro Ginnico Olimpia.

«Partiamo dal faccia a faccia che si svolse il 20 giugno 2017 nel salone della Fondazione Maic di via San Biagio in Cascheri tra l’allora sindaco Bertinelli e l’attuale sindaco Tomasi in occasione della tornata elettorale per la conquista del governo di Pistoia - si legge nella lettera - Nell’occasione Tomasi tuonò attaccando lo sfidante “Occorre mettere un po' più di vigore perché oggi a Pistoia per lo sport siamo all'anno zero”. Il vigore questa Amministrazione lo sta mostrando, ma solo questo, perché del rispetto delle regole del Regolamento per la concessione in uso e l'affidamento in gestione degli impianti sportivi del Comune di Pistoia non sembra se ne voglia curare più di tanto, anzi sembra che lo ritenga un fastidioso orpello della vecchia Amministrazione cui neppure dover fare i conti».

«La Ferrucci Libertas, tramite il proprio legale, Marica Bruni, ha inoltrato al Comune di Pistoia un accorato invito a rivedere l’assegnazione dell'impianto della palestra di via Pertini a Pistoia, attrezzata per lo svolgimento di ginnastica artistica, poiché erroneamente concessa in uso all’Associazione Olimpia; elencava, in proposito gravi ed evidenti sviste in cui l’Ufficio Sport era incorso e che parevano impossibili da commettere, se non volendo fare forzature inammissibili e, ciò, a partire dalla stessa richiesta inoltrata da detta Associazione al Comune».

«La Società Ginnastica

Ferrucci Libertas chiede trasparenza e rispetto non privilegi né favoritismi di cui, certamente, mai ha beneficiato ma neanche mai voluto; un rispetto anche dovuto per la sua storia e per ciò che da secoli ha rappresentato ed ancora rappresenta per Pistoia». —


 

TrovaRistorante

a Pistoia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro