Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Terremoto in Giunta, licenziato Vannuccini

La Giunta di Agliana nominata nel 2014 con Vannuccini secondo da destra

Il sindaco Mangoni non ha voluto rilasciare dichiarazioni sulle motivazioni della sua decisione, rimandando a un momento successivo

AGLIANA. Massimo Vannuccini, dall’inizio della legislatura nel 2014 assessore con deleghe a Cultura, Sport, Servizi informatici e Progetti europei, esce dalla giunta del Comune di Agliana. Anche se le indiscrezioni sulla revoca dell’incarico a Vannuccini da parte del sindaco Giacomo Mangoni si sono rincorse nelle ultime ore, non sono del tutto chiare, al momento, i motivi della decisione presa dal primo cittadino. Non si sa, inoltre, se le deleghe dell'ex vicesegretario provinciale del Parti ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

AGLIANA. Massimo Vannuccini, dall’inizio della legislatura nel 2014 assessore con deleghe a Cultura, Sport, Servizi informatici e Progetti europei, esce dalla giunta del Comune di Agliana. Anche se le indiscrezioni sulla revoca dell’incarico a Vannuccini da parte del sindaco Giacomo Mangoni si sono rincorse nelle ultime ore, non sono del tutto chiare, al momento, i motivi della decisione presa dal primo cittadino. Non si sa, inoltre, se le deleghe dell'ex vicesegretario provinciale del Partito democratico saranno redistribuite ad altri membri della giunta o se al suo posto sarà nominato qualcun altro. Questo, dal momento che ieri, lunedì 10 settembre,  contattato dal Tirreno, il sindaco Giacomo Mangoni si è limitato a far sapere che avrebbe diffuso un comunicato nella giornata di oggi, senza fornire ulteriori spiegazioni. Si attendono così, nelle prossime ore, maggiori particolari sulla vicenda. Quel che è certo è che la revoca dell’incarico a Vannuccini a nove mesi dalle elezioni amministrative in programma nel 2019 giunge inaspettata. Si tratterebbe di un vero e proprio terremoto, dunque, se a determinare quella che si configura come una scelta maturata individualmente e fortemente voluta da Mangoni fossero ragioni di carattere politico. Vannuccini è infatti sempre stato tra i più “vicini” al primo cittadino di Agliana. Entrambi esponenti del partito democratico (come tutti i componenti della giunta e del gruppo di maggioranza in consiglio comunale), i due, appartenenti alla corrente renziana, avevano affrontato fianco a fianco la campagna elettorale del 2014. Vannuccini era stato allora uno dei principali sostenitori della candidatura di Mangoni alle primarie, che si erano concluse con l’affermazione del primo cittadino in carica ai danni dell’uscente Eleanna Ciampolini (allora iscritta al Pd), estromessa dalla corsa alle amministrative dopo un solo mandato da sindaco, svolto dal 2009 al 2014. Vannuccini, che fino alla scorsa primavera è stato vicesegretario provinciale a Pistoia, è membro dell'assemblea nazionale del Pd. —