Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

È di buon auspicio il volo di Santa Celestina - VIDEO

In una piazza Matteotti affollata da centinaia di persone, la mongolfiera ha superato la punta del campanile

San Marcello. Anche quest’anno il volo della mongolfiera di Santa Celestina è stato perfetto. Partito da piazza Matteotti intorno alle 17, 41 di sabato 8 settembre,  il “pallone” è andato diritto nel cielo superando la punta del campanile –segno di buon auspicio per l’anno– ed è rimasto in volo per diversi minuti.

Un volo che ricorda quello del 2017, prima esperienza dopo l’unione dei Comuni di San Marcello e Piteglio. Ad occhio nudo nessuno ha visto dove è caduto ma la mongolfiera deve aver perso quota nei pressi del Villone, in direzione di Spignana. Quest’anno al pallone di carta-formato da 24 spicchi e creato dai fratelli Andrea e Francesco Pierazzi –si è legato anche un valore particolare, quello espresso da una petizione firmata da 8mila persone, che chiedevano, ormai da troppo tempo, un vero Pronto soccorso all’ospedale Pacini di San Marcello con la relativa dichiarazione di area disagiata. A ricordare questa volontà uno striscione con scritto “Vogliamo il Pronto soccorso” che ha preso il volo con la mongolfiera e alle persone che assistevano alla manifestazione di ieri pomeriggio il dono di un palloncino rosa con la stessa scritta. «Non ci sono note polemiche con nessuno-ha detto Simone Ferrari del gruppo “Vogliamo un pronto soccorso”-è solo una volontà di ricordare le nostre richieste. Lo ribadiamo alla Regione che per ora non ha ancora dato risposte alle nostre domande precise. Area disagiata e Pronto soccorso vero».

Vola la mongolfiera di Santa Celestina: l'anno sarà positivo



Per la prima volta era presente anche il consigliere regionale Pd Marco Niccolai. «Noi delle risposte sull’emergenza urgenza le stiamo già dando sul territorio. La questione che ci viene chiesta del riconoscimento di area disagiata-ha commentato Niccolai– l’affrontiamo all’interno del piano socio sanitario, dove affronteremo anche l’applicazione del decreto Balduzzi, perché il tema non è solo quello dell’ospedale di San Marcello ma è come la Toscana immagina la sanità in montagna in un contesto sociale mutato».

Nel parterre degli ospiti, presentati dall’infaticabile Alessandro Vivarelli, anche il presidente della Provincia di Pistoia Rinaldo Vanni ed il sindaco di San Marcello-Piteglio Luca Marmo. Ad assistere al volo della mongolfiera, manifestazione organizzata negli ultimi anni dall’associazione sportiva Appennino Volley, una piazza Matteotti affollatissima di persone pronte con il naso all’insù acedere il volo del pallone. «Quest’anno abbiamo durato meno fatica –hanno spiegato Andrea e Francesco Pierazzi-nel confezionare il pallone grazie al caldo dell’estate che ha permesso di lavorare al meglio la carta». L’amministrazione ha consegnato una targa ricordo a Renza, la moglie di Giampiero Gaggini recentemente scomparso e negli anni pietra miliare della manifestazione. La serata, come da tradizione si è conclusa con la tombola e i fuochi artificiali. –

CARLO BARDINI.