Quotidiani locali

cittÁ intelligenti 

Toscana Digitale cresce ma Pistoia è in ritardo sulla banda ultra larga

La Regione ha fatto il punto sulla situazione alla San Giorgio In sette comuni sta per arrivare la nuova infrastruttura

PISTOIA

A Pistoia sono in partenza sette cantieri in altrettanti comuni, Abetone, Chiesina Uzzanese, Cutigliano, Lamporecchio, Larciano, Massa e Cozzile e Monsummano Terme, per dotare anche questi territori di connessioni internet con banda ultralarga. La notizia è stata ribadita ieri alla tappa pistoiese di “Toscana Digitale”, il giro del granducato che la Regione sta compiendo per raccogliere istanze, condividere idee e buone pratiche verso l’Agenda Digitale Toscana. A fronte di tutto ciò, Pistoia continua ad essere un territorio ai margini della rivoluzione digitale permanente.

L’orizzonte è quello del 2020, quando la banda ultralarga dovrebbe coprire tutta la regione, garantendo una velocità di connessione di 100 megabit al secondo.

Le giornate di Toscana Digitale, sono organizzate da Regione Toscana in collaborazione con Anci, Cispel e Fondazione Sistema Toscana. Ad aprire i lavori nell’auditorium della Biblioteca San Giorgio, Alessandro Tomasi, sindaco di Pistoia e l'assessore alla Presidenza della Regione, Vittorio Bugli.

«Con Toscana Digitale – ha spiegato Bugli, dopo aver ricordato i sette cantieri in partenza – la Regione Toscana sta trasferendo le linee guida sull’innovazione ai singoli territori. Stiamo raccogliendo da ogni provincia indicazioni, suggerimenti e criticità. Un’infrastruttura in cui abbiamo investito 228 milioni di euro e che servirà a famiglie e ad aziende per essere competitive a livello non solo nazionale, ma europeo».

«Pistoia – ha sottolineato il sindaco Tomasi – è indietro dal punto di vista delle infrastrutture e dei servizi digitali che offre alla cittadinanza. La Regione Toscana ha un ruolo fondamentale e sarà determinante nel coordinare lo sviluppo e nel reperire le risorse che ci aiutino a garantire ai nostri cittadini servizi efficienti e una città veramente smart».

Tra il pubblico diverse imprese, startup del territorio, associazioni di categoria e amministratori locali tra cui i rappresentanti dei comuni di Agliana, Quarrata, Pieve a Nievole, Pescia, Montale

e Ponte Buggianese. I partecipanti si sono poi divisi in gruppi di lavoro su quattro grandi temi legati all'agenda digitale: infrastrutture e piattaforme digitali, servizi online e Open Toscana, smart cities, nuova comunicazione pubblica. —

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI

TrovaRistorante

a Pistoia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro