Quotidiani locali

Vai alla pagina su Toscana economia
Farmacie comunali, il 30% ai privati

Farmacie comunali, il 30% ai privati

Utili record ma l’amministrazione vuole scendere al 53%: «Dobbiamo farlo per evitare le penalizzazioni del decreto Maida»

PISTOIA. Un utile di oltre 800mila euro, 5 farmacisti assunti a tempo indeterminato, incremento del fatturato delle farmacie, investimenti per oltre 100mila euro e potenziamento di tutti i servizi alla persona. È il bilancio 2017 di Far.com che, come ha detto l’amministratore unico Alessio Poli in conferenza stampa, «non ha bisogno di commenti, siamo un esempio di buon governo per tutte le realtà toscane simili». Far.com, ha continuato Poli, è una società competitiva e in grado di garantire servizi di altissimi livello: «Ora andiamo avanti con investimenti e attività di prevenzione».

Tra le novità del 2018 c’è la volontà del Comune di Pistoia, socio di maggioranza in Far. com all’83,85%, di cedere il 30% delle sue quote a un altro soggetto, per “liberare” Far.com dalla spada di Damocle del decreto Madia che penalizza l’attività delle società pubbliche titolari di affidamenti diretti con irrigidimenti procedurali e limitazioni operative. «Il decreto Madia – ha spiegato l’assessore alla gestione partecipate Margherita Semplici – incide su Far.com perché sul piano normativo ne limita l’oggetto sociale e sul piano procedurale ne limita acquisti e appalti come se fosse una vera e propria società pubblica. Vogliamo vedere se si può realizzare la cessione del 30% delle nostre quote, che rimarrebbero comunque oltre il 53%, a un partner privato di minoranza con cui intraprendere un percorso che mantenga le performance di Far.com e che potrebbe far uscire l’azienda dal giogo dei vincoli operativi e procedimentali del decreto Madia».

Intanto l’amministrazione procederà con la nomina di un consulente a settembre, per poi fare una gara a doppio oggetto entro la fine dell’anno: «Oltre a individuare un socio privato – ha spiegato l’assessore – si mette a gara anche la gestione del servizio».

Tornando a parlare di servizi e investimenti, dopo l’apertura di 3 nuovi ambulatori nella farmacia di Valenzatico, il 2018 vedrà lo spostamento della farmacia comunale n° 2 del Fagiolo, fino ad ora al primo piano, accanto al supermercato Conad, nei locali dell’ex negozio “Nidò” (davanti al ristorante Roadhouse): uno spazio di oltre 400metri quadrati con otto ambulatori medici.

Far.com nel comparto “farmacia” registra nel 2017 performance superiori a quelli medi di settore. Sono cresciuti i ricavi di vendita, è aumentata la marginalità legata agli acquisti e la liquidità di cassa. Sul fronte dell’incremento dei ricavi, dati positivi derivano dagli andamenti della farmacia comunale di viale Adua n° 1, +3,46% oltre che da quella dello Stadio (+2,53%), di Larciano (+ 5,18%) e di Bonelle (+1,72%).

Sul risultato della farmacia di viale Adua ha influito l’implementazione del settore sanitaria: una parte della farmacia è stata dedicata ai presidi sanitari e contemporaneamente è stato rafforzato il servizio di noleggio. È stata creata inoltre una sala di attesa per la prenotazione delle visite specialistiche (Cup) con due postazioni e 10 posti a sedere. Nella farmacia comunale di Agliana, da ottobre, si può prenotare sia sulle liste di Pistoia sia su quelle di Prato. In tutte le farmacie è inoltre possibile oggi prenotare le vaccinazioni obbligatorie.

In termini complessivi la società dalle 15 ore la settimana di

servizio al pubblico CUP del 2016 è passata ad oltre 175 ore, con una media di 25 ore la settimana a farmacia. Nel 2017 sono state potenziate anche le campagne di sensibilizzazione su diabete, osteoporosi, fumo, stili di vita e abitudini alimentari.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Pistoia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Premio ilmioesordio, invia il tuo libro