Quotidiani locali

Bambino "scappa" dal nido e nessuno se ne accorge - Video

Agliana, bambino di un anno e mezzo notato per caso da alcuni passanti a pochi metri dal Lago Pertini: indagano i carabinieri

Bambino scappa dal nido, ecco la strada che ha percorso Nelle immagini ripercorso i 200 metri del piccolo di 18 mesi "in fuga" dall'asilo che ha raggiunto il parco, dove è stato ritrovato da alcune persone sulle sponde del laghetto mentre giocava con le papere(Video Gori- Servizio di Valentina Vettori) - L'articolo

AGLIANA. Sono stati alcuni passanti a scorgerlo. Solo e sporco di fango, a pochi passi dalla sponda del lago Pertini. E dopo aver tentato di rassicurarlo, hanno chiamato i carabinieri. Che, una volta accorsi sul posto, hanno ben presto avuto la conferma che quel bambino di poco più un anno e mezzo era scappato, senza che nessuno se ne fosse nel frattempo accorto, dal vicino nido d’infanzia comunale di via Giovanni XXIII, distante circa 200 metri.

IL FATTO

Erano da poco passate le 10,30 dello scorso giovedì mattina, ma lo sconcertante episodio è diventato di pubblico dominio solo dopo un paio di giorni, quando, fra sabato e domenica, la notizia ha iniziato a rimbalzare su Facebook accompagnata dai commenti di genitori allibiti, scandalizzati e terrorizzati al pensiero di ciò che era avvenuto e di quello che sarebbe potuto accadere lì a pochi metri dal lago del parco.

INDAGANO I CARABINIERI

Una volta preso in consegna il bimbo, i carabinieri hanno accertato che era uno dei piccoli ospiti del nido comunale “La Margherita”, che si trova nella struttura di via Giovanni XXIII assieme ai nidi “Il Glicine” e “Gatto Mammone”. E lì lo hanno portato in attesa dell’arrivo dei genitori a cui lo hanno riconsegnato. Immediata l’apertura di un’indagine da parte dei militari dell’Arma, volta ad accertare come quel bambino possa essere uscito da solo dall’asilo comunale e le eventuali responsabilità penali da parte del personale.

VIDEO. La video ricostruzione sulla mappa del tragitto del bambino

Bambino "scappa" dal nido: ecco il tragitto fatto dal piccolo Agliana: un bambino di un anno e mezzo esce dal nido e nessuno se ne accorge. Lo trovano alcuni passanti vicino ad un lago - L'ARTICOLO

IL COMUNE CONVOCA I GENITORI

Dell’accaduto è stato subito informato anche il Comune di Agliana, che per spiegare ciò che è avvenuto ai genitori degli altri bambini che frequentano la sezione “Margherita” (quella dedicata ai piccoli – circa 25 quelli attualmente ospitati – fra i 12 e i 24 mesi) li ha convocati per una riunione con l’assessore alla Pubblica istruzione e con i rtesponsabili del nido venerdì sera. In seguito alla quale è iniziato il tam tam sui social.

leggi anche:

LE REAZIONI

«Sono un genitore di uno dei bimbi della sezione “Margherita” – commenta uno dei genitori presenti – ed ho partecipato alla riunione di venerdì. Io personalmente ho chiesto che venga messa una persona al controllo delle uscite, ma non mi è stata data una risposta certa. Come è possibile che il Comune (o gli organi competenti) non siano responsabili della messa in sicurezza? I bambini si trovano in una struttura che doveva essere provvisoria ed invece dopo 4 anni ancora non sanno dirci per quanto altro tempo i bimbi dovranno stare lì e non c’è una persona che vigila sull’entrata e sull’uscita, non solo dei genitori e dei bambini ma anche di esterni addetti ai lavori!».

Problemi di struttura e carenza di personale addetto unicamente alla vigilanza della porta quelli emersi dalla discussione su Fb. «L’assessore all’Istruzione – accusa una mamma – ad una mia domanda sull’asilo nido comunale rispose: “... perché la nostra priorità è la sicurezza dei bambini”. La stessa sicurezza con cui un bambino di un anno e mezzo, giovedì, è uscito da solo dall’asilo, per essere ritrovato diverso tempo dopo dai carabinieri, su segnalazione di passanti, al parco Pertini? La stessa sicurezza con cui nessuno all’interno della struttura si è accorto della sua assenza? La stessa sicurezza con cui io lunedì dovrei lasciare mia figlia per tutta la mattina?».

«Alla fine della riunione – aggiunge un’altra mamma – l’assessore e i responsabili hanno detto che la porta sarà presidiata a costo di starci loro. Le tate erano distrutte. Quello che è successo è gravissimo. Ma perdere di vista un bambino può succedere. Non può succedere che esca fuori, ed è accaduto perché la porta pare non essere responsabilità di nessuno».

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Pistoia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro