Quotidiani locali

Vai alla pagina su Toscana economia
Hitachi, pronti i primi due treni per l'Inghilterra - Video

Hitachi, pronti i primi due treni per l'Inghilterra - Video

La presentazione nella sala prove di via Ciliegiole con il ceo Manfellotto e il rappresentante di GWR, Mark Hopwood. Entreranno in servizio a luglio

Hitaci, la presentazione dei treni per l'Inghilterra La presentazione nella sala prove di via Ciliegiole con il ceo Manfellotto e il rappresentante di GWR, Mark Hopwood. Entreranno in servizio a luglio (video Lorenzo Gori)

PISTOIA. Linea elegante, livrea verde scuro e frontale giallo d'impatto, comfort e tecnologia all'interno. Con uno spazio cucina che, scherza un giornalista italiano con un collega inglese, potrebbe suggerire l'idea di un tv reality: "Masterchef on train". I primi due convogli partiranno dallo stabilimento Hitachi di via Ciliegiole tra una decina di giorni. Ci vorrà una settimana per l'arrivo in Inghilterra. L'avvio del servizio commerciale è previsto per luglio.  La sala prove Hitachi ha ospitato nella mattina di venerdì 9 febbraio l'inaugurazione dei primi due treni (36 in totale) destinati al mercato inglese. "Un importante risultato - ha commentato il ceo di Hitachi Rail Italy, Maurizio Manfellotto - della sinergia tra Italia, Giappone e Inghilterra". Tecnologie che si sono messe a servizio l'una dell'altra, così come una parte importante della componentistica è stata realizzata in Inghilterra.

L'interno del treno (foto Gori)
L'interno del treno (foto Gori)

C'erano Manfellotto e il direttore di stabilimento, Rosario Falanga. Karen Boswell, managing director di Hitachi Rail Europe: "La fornitura di treni Intercity Express a GWR trasformerà il modo di viaggiare sulle tratte che collegano Londra al Galles e al sud ovest dell’Inghilterra. Treni moderni per una linea che collega Londra a città chiave quali Reading, Bath, Bristol e Cardiff. I passeggeri potranno godere anche di nuova tecnologia di bordo, incluse informazioni in tempo reale e schermi di prenotazione dei posti. I treni sono dotati di una tecnologia che ne consente l’utilizzo sia con trazione Diesel che elettrica, e assicura la resistenza alle condizioni atmosferiche della regione, inclusa le tratta costiera del Dawlish". Nella sala prove, naturalmente, anche il cliente", Mark Hopwood, in rappresentanza di Great Western Railway (società che gestisce il trasporto ferroviario nel Regno Unito). Ma c'erano soprattutto loro, i lavoratori. Orgogliosamente schierati, a gruppi, per una foto ricordo davanti all'AT300.

"E' sempre un momento importante quando si presenta un nuovo treno - esordisce non senza emozione Manfellotto - Questo direi che è magico, era un po' di tempo che non inauguravamo nuovi treni. Ma siamo perfettamente in linea con i tempi di consegna. E al cliente dico (con lo sguardo si volge verso Howood, ndr) che in quest'azienda troverà competenze, professionalità, ma soprattutto puntualità. Per Hitachi è un must". 

Da sinistra Manfellotto, Hopwood,...
Da sinistra Manfellotto, Hopwood, Boswell e Marino

E' prevista la consegna di 4 treni al mese fino al completamento della commessa. Hitachi Rail Europe ha stipulato un accordo a luglio 2015 per la fornitura e la manutenzione di 29 nuovissimi treni AT300 per il franchise GWR, che gestisce i treni tra Londra Paddington e le città di Plymouth e Penzance a ovest del paese. Commessa a cui, nel 2016 se n'è aggiunta un'altra da 7 convogli, dopo il via libera del governo inglese. Un ordinativo da mezzo miliardo di euro: un bel risultato per lo stabilimento di via Ciliegiole.

Foto di gruppo per gli operai Hitachi
Foto di gruppo per gli operai Hitachi

Sono stati necessari anche investimenti. Lo spiega il progettista dell'AT300, l'ingegner Giuseppe Marino: "Cinque milioni di euro, in particolare per nuovi impianti di saldatura, molto moderni". Con una novità tutt'altro che di secondo piano negli stabilimenti di Pistoia e Napoli: l'introduzione di una cinquanta robot. "E' previsto l'acquisto di un altro centianaio", informa Manfellotto. Si drizzano le orecchie, ma Marino precisa: "Non c'è stata né ci sarà riduzione di personale. Il nostro slogan è "Il robot al servizio dell'uomo", non il contrario. Siamo stati riconosciuti dal Mnistero azienda "Lighthouse", che significa "faro", all'avanguardia nell'innovazione. Sono solo 4 in Italia al momento. L'utilizzo dei robot consente volumi di lavoro maggiori e c'è quindi bisogno anche di più personale, magari con mansioni diversificate". (t.g.)

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Pistoia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon