Quotidiani locali

Spaccano il vetro del negozio e rubano i soldi in cassa

Pistoia, furto nella notte allo “Shabby Chic” di via delle Pappe. «Non è la prima volta, e meno male che è scattato l’allarme»

PISTOIA. Hanno spaccato il vetro e sono riusciti ad entrare portandosi via una sessantina di euro dal fondo cassa. Magro bottino, fortunatamente, per i malviventi che nella notte tra martedì e ieri, intorno all’una, si sono intrufolati nel negozio di abbigliamento femminile Shabby Chic in via delle Pappe.

A coglierli di sorpresa l’allarme che li ha fatti scappare immediatamente. Ma non è la prima volta che i ladri entrano nel negozio di Luisa Grassini, chiamata nel cuore della notte dal Globo Vigilanza. Poi è scattata la denuncia ai Carabinieri. «Sono veramente molto arrabbiata. Se non ci fosse stato l’allarme mi avrebbero portato via tutto –racconta Grassini– nel negozio ci sono tanti mobili di antiquariato e un lampadario rifinito in oro. Avrebbero potuto portare via tutto indisturbati». È infatti già la seconda volta in due anni che il negozio di Luisa è preso di mira dai ladri. Altro spiacevole episodio, racconta, era accaduto due anni fa, in uno dei tanti affollati mercoledì mattina, durante il mercato cittadino. Quella volta i ladri si erano intrufolati nel negozio, che si trovava in via Degli Orafi, mescolandosi tra la clientela e sottraendo 1. 900 euro dalla cassa, oltre a carte varie, per poi dileguarsi nel nulla. La proprietaria si era accorta del furto solo in un secondo momento, ignara che qualcuno avesse potuto rubare in pieno giorno e con il negozio affollato di gente.

Tornando all’altra notte, invece, la refurtiva dei malviventi è stata fortunatamente magra: grazie all’allarme inserito e collegato con Globo Vigilanza, i ladri si sono dati subito alla fuga. «Io abito in Versilia, quindi ho chiesto a mia sorella Patrizia di venire a vedere cosa fosse successo». Patrizia ha trovato il vetro spaccato e la porta chiusa: «All’inizio non capivo come avessero potuto entrare –racconta– perché la porta era chiusa. Sicuramente l’hanno sbattuta prima della fuga. Non so se c’entra qualcosa ma ieri pomeriggio (martedì, ndr) poco prima di chiudere il negozio, ho notato un uomo con un montgomery marrone e un cappuccio in testa camminare avanti e indietro davanti al negozio e guardare all’interno. Infatti mi sono insospettita e sono anche tornata a controllare di avere chiuso bene la porta». Luisa invece racconta che qualche giorno prima una signora sulla quarantina con accento dell’est aveva acquistato dei vestiti facendo continui apprezzamenti al negozio. «Fin qui tutto normale. Poi però mi sono accorta che stava facendo delle foto al negozio: appena si è accorta di essere stata vista

ha smesso subito». Luisa ci tiene a raccontare quanto accaduto per invitare tutti i commercianti a tenere alta la guardia. «Non è normale che queste cose accadano così frequentemente –conclude– bisogna stare attenti e non aver paura a denunciare».

Alessandra Tuci

TrovaRistorante

a Pistoia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon