Quotidiani locali

Resteranno dietro le sbarre dopo la fuga a folle velocità

Per i due clandestini dell’est europeo inseguiti e bloccati dalla Squadra mobile di Pistoia  il giudice convalida l’arresto e ordina il carcere. Troppo rischioso lasciarli in libertà

PISTOIA. Evidente la loro pericolosità sociale, e troppo alto rischio di fuga e di reiterazione del reato. Dovranno stare dietro le sbarre almeno fino al processo per direttissima i due uomini dell’est europeo bloccati dai poliziotti della Squadra mobile venerdì sera, 10 novembre, al termine di una lunga fuga sul filo dei 150 all’ora che solo per una serie di fortunate coincidenze si è conclusa con un incidente dalle conseguenze tutto sommato lievi: un automobilista leggermente ferito.

Sabato mattina, 11 novembre, il giudice monocratico del tribunale ha convalidato l’arresto per resistenza, violenza e lesioni (due i poliziotti contusi) a pubblico ufficiale di Dmitrii Markov, russo di 34 anni, e Levan Liparteliani, georgiano di 37, entrambi senza fissa dimora in Italia, clandestini e con precedenti. E in vista della direttissima, per la quale il loro avvocato ha chiesto i termini a difesa, ha applicato loro la misura restrittiva della custodia cautelare in carcere.

La loro fuga a folle velocità su una Ford Fiesta nera è iniziata a Bottegone, attorno alle 19, quando sono fuggiti all’alt di una pattuglia della Squadra mobile accorsa in zona dopo l’allarme per un furto in casa in via San Sebastiano: la descrizione dell’auto su cui i ladri si erano dileguati corrispondeva alla loro. Prima la Fiorentina, poi le stradine fra i vivai, poi la Pratese

con un semaforo rosso “bucato” addirittura a 160 all’ora... Alla fine, l’incidente nella strettoia di via Selva, ad Agliana, quando sono rimasti incastrati fra due auto in un tentativo di sorpasso, e le botte ai poliziotti nel tentativo di scappare a piedi. (m.d.)
 

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Pistoia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista