Quotidiani locali

Gli abiti di Maria Melani per un tuffo nel passato

Una mostra dedicata alla stilista Pistoiese che raggiunse grandi traguardi negli anni Cinquanta sarà allestita nei locali della Cassa di Risparmio di Pistoia e della Lucchesia

PISTOIA. Un tuffo nel passato con gli abiti di Maria Melani. Pistoia capitale italiana della cultura rende omaggio alla stilista con una mostra che ripercorre la moda italiana dagli anni’50 ai giorni nostri. Perché la moda è cultura e non poteva mancare un evento organizzato dal Centro Commerciale naturale nell’ambito di Percorsi Notturni 2017 nella bellissima cornice della sede storica della Cassa di Risparmio di Pistoia e della Lucchesia di via Roma. La mostra, gratuita, si terrà dal 18 al 27 luglio e ospiterà 12 abiti esposti su altrettanti busti sartoriali realizzati da Maria Melani sotto la direzione artistica dello Studio Mazzei di Paolo e Paola Mazzei, nel mondo della moda da 37 anni. L’inaugurazione si terrà martedì prossimo alle 21 con un “salotto” aperto al pubblico sul tema moda e cultura a cui parteciperanno importanti nomi del mondo della moda, come Elisabetta Cianfanelli, presidente del corso di laurea in fashion System Unifi, Regina Schrecker, stilista internazionale, Riccardo Rami, stilista, la modella Irene Casertelli, la dottoressa Camilla Pagnini, autrice di un libro su Maria Melani, oltre a Alberto Melani, figlio di Maria, che porta avanti la tradizione di famiglia. «La moda non è qualcosa di futile ed aleatorio, ma è una cosa concreta. Un vestito è come un quadro: nasce da un’idea, da una creatività – dice Paolo Mazzei dello Studio Mazzei– Maria è un nome fondamentale della moda italiana».

«Io e i miei fratelli partecipiamo molto volentieri a questa iniziativa – spiega Alberto Melani – in primis per la bellezza della location. Mia madre non era solo una stilista, ma la metafora di una piccola borghesia produttiva che oggi non esiste più e che ha lasciato spazio ad una borghesia riflessiva. Pistoia negli anni’50 e’60 era un modello di riferimento per tutta l’economia nazionale e tra le prime dieci città in Italia per il deposito bancario. Mia madre è riuscita a creare un cuore produttivo con oltre 50 addetti, non facile per una donna di quel tempo. Non ha avuto il successo che si meritava perché amava troppo Pistoia ed era troppo provinciale. Pistoia era la sua patria, le sue radici». Nata nel 1920, Maria Bucciantini studia la tecnica sartoriale in una delle più grandi sartorie pistoiesi, quella di Dolores Jacomelli Melani, di cui prenderà la guida agli inizi degli anni’50. Nel 1954 nasce l’atelier di Maria che darà vita
alla griffe “Melania”, ma che disegna abiti collaborando anche con note maison fiorentine come quella di Emilio Pucci. Il 1958 è l’anno dello showroom a Roma, dove Maria entrerà in contatto con dive come Ava Gardener, Abbe Lane, Gina Lollobrigida, Brigitte Bardot, Audrey Hepburn.

TrovaRistorante

a Pistoia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PROMOZIONI PER GLI AUTORI, NOVITA' ESTATE 2017

Stampare un libro, ecco come risparmiare