Quotidiani locali

Pugni e calci alla porta di casa di un'anziana che non voleva aprire: denunciato

Cutigliano, i carabinieri hanno bloccato un uomo di 45 anni, abitante a Torino: diceva di voler vendere dei disegni, inviato dal parroco 

SAN MARCELLO. Pugni e calci al portone dell'anziana donna che si rifiutava di aprirgli. E prima di arrendersi ha persino sradicato la telecamera di sorveglianza di cui era dotato il citofono dell'abitazione. Ma i carabinieri, subito avvisati, ci hanno messo poco a rintracciare l'uomo, un torinese 45enne di origini lucane, con diversi precedenti sulle spalle. Nei suoi confronti è scattata una denuncia per molestia e danneggiamento.

Spacciandosi per  disabile inviato dal parroco e  sostenendo di conoscere anche il comandante della compagnia carabinieri, l'uomo  si era presentato presso l’abitazione di una pensionata 76enne abitante in viale Panoramico, a Cutigliano, suonando il citofono per farsi aprire con la scusa di vendere disegni. L’anziana si è rifiutata ed è a quel punto che l’uomo ha prima cominciato a percuotere il portone d’ingresso con pugni e calci  per svariati minuti, poi ha sradicato la telecamera di sorveglianza di cui era dotata il citofono prima di allontanarsi.

L’anziana ha avvisato il 112 e il 45enne è stato rintracciato a Cutigliano a bordo di un Van Merecedes, in compagnia

di altri tre uomini,  tutti residenti nel torinese e gravati da  precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, che stavano effettuando la vendita di  disegni porta a porta. L’uomo è stato condotto presso la caserma di San Marcello e denunciato.

 

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Pistoia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SPEDIZIONI FREE

Stampare un libro, ecco come risparmiare