Quotidiani locali

Vai alla pagina su Meningite in Toscana
Caso di meningite C sulla montagna pistoiese

Caso di meningite C sulla montagna pistoiese

L'uomo risiede a San Marcello Pistoiese. Scattata la profilassi per le persone entrate in contatto con lui

PISTOIA. Un nuovo caso di meningite di tipo C in Toscana. Colpito un uomo di 40 anni, residente a San Marcello Pistoiese (Pistoia), che è stato ricoverato dalla tarda serata di lunedì 6 marzo nel reparto di terapia intensiva, nell'ospedale San Jacopo a Pistoia.  Il paziente è tuttora in prognosi riservata, ma le sue condizioni, al momento, sono stabili.

Il quarantenne si era sottoposto a vaccinazione antimeningococco C lo scorso febbraio 2016. Già attivata dalla Asl l'inchiesta epidemiologica ed è in corso la profilassi ai conviventi e a coloro che nei 10 giorni precedenti l'esordio dei sintomi nel paziente hanno avuto contatti stretti e ravvicinati con lo stesso.

Secondo quanto spiega la Asl, i sintomi del paziente, al suo arrivo al pronto soccorso, "hanno subito destato nei sanitari il sospetto di una meningite batterica. Sono state immediatamente intraprese le indagini diagnostiche e somministrata una terapia adeguata. Gli esami hanno confermato la diagnosi di meningite da meningococco C". Al laboratorio regionale di riferimento del Meyer di Firenze in corso i test di conferma e di tipizzazione.

L'uomo avrebbe partecipato da giovedì 2 a domenica 5 marzo a una gita a Dobbiaco organizzata dallo Sci club Montagna pistoiese.Gli organizzatori della gita hanno rintracciato i circa 80 partecipanti al viaggio, inclusi gli autisti, che nella notte sono stati sottoposti a profilassi. La farmacia di Maresca è rimasta aperta nella notte in via straordinaria per distribuire il farmaco, somministrato anche al punto di primo soccorso del piot di San Marcello e al Pronto soccorso di Pistoia.

10 risposte alla meningite in Toscana - Come si trasmette la malattia? Come si trasmette la meningite? Risponde la professoressa Chiara Azzari: "Ci sono portatori e il meningococco dalla loro gola può diffondersi nell'ambiente. È così che avviene il contagio" (domanda inviata da Serena Volpi)

Meningite in Toscana, l'esperto ai giovani: "Ecco perché è importante il vaccino" Dopo il caso della ragazza di Cecina contagiata dalla meningite di tipo C, il medico Giovanni Maria Soldano lancia un appello ai giovani (video Ilaria Bonuccelli) - L'ARTICOLO

10 risposte alla meningite in Toscana - Il ceppo B è meno aggressivo del C? La meningite di tipo B è meno pericolosa e aggressiva del tipo C? Risponde il dottor Giovanni Vitali Rosati: "Hanno lo stesso tipo di aggressività. Entrambe possono andare incontro all'asepsi. Non è meno pericolosa" (domanda inviata da Marilena Cai)

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Pistoia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro