Quotidiani locali

astrofili

Bacci responsabile nazionale dell’Unione asteroidi italiana

PIAN DEI TERMINI. È grazie alla ricerca portata avanti in questi ultimi anni sui piccoli pianeti. È grazie alla sua passione e professionalità. È grazie, in ultimo, alla cassa di risonanza avuta...

PIAN DEI TERMINI. È grazie alla ricerca portata avanti in questi ultimi anni sui piccoli pianeti. È grazie alla sua passione e professionalità. È grazie, in ultimo, alla cassa di risonanza avuta nel meeting dello scorso novembre svoltosi all'osservatorio di Pian dei Termini.

Ingredienti fondamentali che hanno reso Paolo Bacci il nuovo responsabile nazionale della sezione asteroidi dell’Uai (Unione asteroidi italiana). L'ufficialità dell'incarico ha davvero poche ore e l'appassionato astrofilo originario di Maresca sostituirà Sergio Foglia. «È un ruolo molto importante - spiega Paolo Bacci - e in pratica sarò il responsabile e coordinatore degli osservatori amatoriali di tutta Italia, occupandomi del settore degli asteroidi.

Una soddisfazione doppia - aggiunge Bacci - sia per me ma anche come ritorno per l'osservatorio astronomico della montagna pistoiese. Ho accettato molto volentieri questa nomina».

La passione per questa scienza Paolo Bacci l'ha sempre avuta e si è "specializzato" nello studio dei corpi minori del sistema solare dal 2006. Dal 2010 è attivo all'osservatorio astronomico di Pian dei Termini e il Gamp (Gruppo astrofili montagna pistoiese) che lo gestisce è presieduto da Luciano Tesi, conosciutissimo dagli appassionati locali di astronomia.

Questo nuovo ruolo, così importante a livello nazionale, rende omaggio, come si diceva prima, sia o stesso Bacci, ma anche alla struttura della montagna pistoiese

e alle continue ricerche che porta avanti grazie al gruppo di lavoro, che opera non solo con tanta passione ma anche con professionalità eccellente.

Questo l'indirizzo del sito internet di Paolo Bacci backman.altervista.org. (car. bar.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Pistoia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SPEDIZIONI FREE

Stampare un libro, ecco come risparmiare