Quotidiani locali

Nella chiesa di San Biagio il funerale di Claudio Tesi

Stroncato da un malore fatale al rientro dall’ambulatorio, il noto medico avrebbe compiuto 69 anni il primo febbraio

PISTOIA. Una morte improvvisa quanto sconvolgente per i suoi familiari, gli amici, i colleghi e le centinaia di pazienti per cui era un riferimento, e che riceveva nei due ambulatori di via Gora e Barbatole e via Provinciale Lucchese, a Spazzavento.

Sì, perché a 68 anni (ne avrebbe compiuti 69 il primo febbraio), il dottore Claudio Tesi aveva ancora passione per il lavoro. E poco dopo essere rientrato dall’ambulatorio, mercoledì sera, è stato colto da malore, probabilmente un infarto, che non gli ha lasciato scampo. Inutili i tentativi di rianimazione da parte del medico e dell’infermiere del 118.

Il dottor Tesi lascia la moglie, Gloria, e una figlia, Nadia.

La salma è esposta nelle cappelle della Misericordia di via del Can Bianco, che cura l’organizzazione del funerale. La cerimonia funebre avrà luogo domattina, alle 10, nella chiesa di San Biagio.

L’Asl Toscana Centro affida a una nota stampa il ricordo del professionista, per oltre 40 anni medico di famiglia e medico del lavoro. “Il dottor Tesi era un professionista stimato e conosciuto, lascia un grande vuoto tra i colleghi. L'Asl esprime un sincero cordoglio alla famiglia». Claudio Tesi visitava e curava negli ambulatori di via Gora e Barbatole, 215 e via Provinciale Lucchese, 61. I suoi assistiti ora possono rivolgersi al dottor Stefano Guidi a cui l'Asl di Pistoia ha conferito un incarico provvisorio. L'articolazione dei giorni e degli orari di ambulatorio sono invariati, il dottor Guidi è reperibile al seguente numero telefonico: 3663524786.

Non era solo quella per la medicina però la passione di Claudio Tesi. Sia Paola David, della segreteria provinciale Fimmg, che la collega Eleonora Tronci, con cui ha lungamente lavorato nel modello assistenziale della medicina di gruppo, lo ricordano come una persona dai tanti interessi, dotato di un’instancabile energia. «Lavorava per passione, per fare del bene alla gente», dice

Eleonora Tronci. E i “suoi” pazienti lo ricordano con rimpianto da ieri mattina, appena sui social si è diffusa la notizia.

Amava lo sci e la musica. Tastierista per diletto, suonava nel gruppo “Prognosi riservata” con il dottor Alfredo Trinci, noto ortopedico.

 

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Pistoia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro