Menu

Un soggiorno tra escursioni e visite specialistiche per quattordici ragazzi della Bielorussia

Dall'inferno radioattivo al verde di Pracchia

 PRACCHIA. Un tour alla scoperta delle eccellenze e tradizioni della provincia di Pistoia ma anche del variegato paesaggio toscano. Prosegue a gonfie vele il soggiorno dei 14 ragazzi provenienti dall'Istituto 188 di Minsk che, per la 17ª estate, sono ospiti a villa Collina su iniziativa della Misericordia di Pracchia, in collaborazione con Auser, Comune di Pistoia ed una trentina fra associazioni ed enti locali, nell'ambito del progetto "Amici senza frontiere". Gli organizzatori hanno impostato il programma alternando le visite mediche ed oculistiche ai bambini, tutti ciechi o ipovedenti per effetto delle radiazioni di Chernobyl, a momenti di svago ed escursioni sotto la supervisione della direttrice dell'istituto Svetlana Rijkovskaya e la dottoressa Katsiaryna. I ragazzi sono rimasti entusiasti delle varie esperienze che hanno regalato loro sensazioni ed emozioni forti nonostante le limitazioni visive. Il tutto grazie alla collaborazione dei responsabili delle varie attrazioni, enti ed associazioni che si sono resi disponibili nell'accogliere i ragazzi e cui è rivolto il sentito ringraziamento della Misericordia di Pracchia. Martedì i ragazzi si sono tuffati nel magico mondo di Pinocchio durante la visita al parco di Collodi su gentile disponibilità del vice-presidente della fondazione Pier Francesco Bernacchi. Molto gradita anche la gita ad Abetone, iniziata con la visita alla fabbrica del Baggiolo dove si ricavano squisiti sciroppi e confetture dai frutti del sottobosco. Accompagnati da Angelo Pagliai, pensionato che ogni luglio accoglie un bambino bielorusso, la comitiva è poi salita sull'ovovia, gestita dalla ditta Saf, con cui ha raggiunto i 1900 metri di quota del monte Gomito. La giornata si è conclusa col pranzo offerto dall'albergo Sport di Abetone, i cui gestori hanno regalato una felpa a ciascun ragazzo, qualche giro sul tubby ed una buona merenda offerta dalla gelateria Taverna di Giacomo Santi. Domenica i ragazzi hanno assistito ad una corsa motociclistica, ospitati dall'autodromo del Mugello. Lunedì è stata la volta di Cutigliano. Dopo la mattinata a Doganaccia, accolti da Sergio Ceccarelli e famiglia di Doganaccia 2000 che ha messo a completa disposizione le strutture del Parco Avventura, dell'alpin-bob ed il ristornate, i bambini sono scesi in funivia fino al centro storico. A riceverli nel Palazzo dei Capitani: il sindaco, l'assessore Pistolozzi e il presidente di Auser Cutigliano Franco Giani.  Dopo le toccanti riflessioni sui valori veri della vita, le volontarie dell'associazione "I bambini della montagna pistoiese per gli
amici del mondo" hanno consegnato a ciascun ospite una borsa regalo contenente indumenti da loro realizzati a maglia e materiale fornito dal Lions Club della Garfagnana. Il tour è proseguito con la visita al Dynamo Camp di Limestre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Pistoia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Stampare un libro risparmiando: ecco come fare