Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Corsi per esperti e neofiti sul linguaggio cinematografico

Roberto Merlino, il secondo da sinistra

Presentata dall’associazione Corte Tripoli Cinematografica la sedicesima edizione di “Facciamo Cinema insieme”, 11 incontri dove si avvicenderanno produttori, filmmaker, registi attori sceneggiatori e musicisti

PISA. Presentata dall’associazione Corte Tripoli Cinematografica la sedicesima edizione di “Facciamo Cinema insieme”, 11 incontri dove si avvicenderanno produttori, filmmaker, registi attori sceneggiatori e musicisti.

Una serie di corsi rivolti a esperti e neofiti e finalizzati all’approfondimento del linguaggio cinematografico sotto i suoi molteplici aspetti: dalla recitazione al film-making, dalla critica cinematografica alla ripresa sonora. Al via il prossimo 8 aprile, con un primo appuntamento che vedrà il prezioso contributo dello sceneggiatore Andrea Cossi.

Un’iniziativa importante, che testimonia l’impegno ormai ventennale di Corte Tripoli, associazione culturale senza scopo di lucro con sede operativa a Pisa, nella diffusione della cultura cinematografica. Tra le priorità dell’associazione anche la produzione e la distribuzione: più di trecento i corti e medio-metraggi ad oggi realizzati. Anche quest’anno, il ricco programma animerà la storica sede di Riglione, nella sala polifunzionale di piazza della Fornace. Un aspetto, quest’ultimo, che costituisce, a detta dell’assessore alla cultura Andrea Ferrante «un valore aggiunto per il nostro territorio». «Il rapporto di Pisa con l’universo cinematografico – prosegue Ferrante – ha profonde radici storiche . È proprio all’Ateneo Pisano che Ragghianti fondò il primo corso di Storia del Cinema in Italia, con una cattedra in convenzione col Centro Sperimentale di Roma e affidata a Luigi Chiarini. Corte Tripoli è un soggetto di grande rilievo tra le esperienze associative che hanno il merito di contribuire alla formazione di spettatori consapevoli e, talvolta, di spingere i giovani e gli appassionati a fare di questo interesse un mestiere».

«Ci dedichiamo da sempre all’insegnamento del linguaggio cinematografico, tenendo corsi in sede e nelle scuole elementari, medie e superiori – ha detto lo storico direttore artistico di Ctc, Roberto Merlino –. Le nostre direttrici sono due: la produzione e la formazione. Oltre a “Facciamo Cinema insieme”, presentiamo anche la XVI edizione dello stage nazionale Fedic (Federazione Italiana dei Cineclub, ndr) a numero chiuso (per iscrizioni tel. 327-8493642)». «Le nostre attività sono patrocinate dal Ministero – ha sottolineato Merlino – e hanno sempre un duplice obiettivo, non solo culturale, ma anche sociale. Più di una volta il Centro d’igiene mentale ci ha portato a realizzare progetti per promuovere l’autonomia dei soggetti di cui si occupa. Chi ama il cinema sa bene infatti quanto questo linguaggio possa aiutare a conoscere il mondo e, insieme, a scoprire proprie forme di espressione».


©RIPRODUZIONE RISERVATA.