Quotidiani locali

I DUE PISANI IN CINA 

Cini (titolare nel fioretto) e Cimini (riserva nella spada) stanno affilando le lame

PISA. La scherma pisana in questa stagione ha trovato la definitiva maturazione a livello internazionale di due talenti che da anni fanno parte della scuola di Enrico Di Ciolo. Parliamo della...

PISA. La scherma pisana in questa stagione ha trovato la definitiva maturazione a livello internazionale di due talenti che da anni fanno parte della scuola di Enrico Di Ciolo. Parliamo della fiorettista Chiara Cini e di Gabriele Cimini, bronzo ai recenti europei di Novi Sad nella spada a squadre. Cini, atleta del gruppo Fiamme Gialle, ha invece vinto l’oro con il dream team femminile e ora punta decisa sui Mondiali in programma a Wuxi, in Cina, dal 19 al 26 luglio. Sarà una sfida con la Russia? «A Novi Sad le abbiamo battute all’ultima stoccata, dopo essere state a lungo in svantaggio. In certi frangenti la testa fa la differenza più della tecnica». Ma che emozioni prova a pochi giorni dal suo primo mondiale? «Una competizione così dura ed equilibrata mi può solo far crescere. L’obiettivo è quello di andare più avanti possibile nella gara individuale e confermare il risultato dell’europeo in quella a squadre».

Alle Olimpiadi mancano solo due anni, ogni tanto ci pensa? «Anche se resto concentrata sui Mondiali non posso dire che non penso a Tokyo 2020. È un sogno».

In Cina ci sarà anche Gabriele Cimini, 24 anni, in forza all’Esercito, come riserva nella squadra di spada. Cimini sembra vicino alla definitiva maturità dopo un ottimo percorso a livello giovanile che lo ha portato a vincere tante medaglie a livello internazionale ed un titolo mondiale nel 2013 nella categoria under 20 e un Europeo under 23, sempre a squadre, nel 2015, anno in cui è diventato anche campione italiano. «Parto come riserva, ma per me questa è comunque una stagione importante».

Dopo un podio in Coppa del Mondo e un quinto posto a Novi Sad nell’individuale, cosa è cambiato nel suo modo di fare scherma? «Ho lavorato molto a livello fisico e psicologico con il maestro Enrico Di Ciolo, ma devo ancora lavorare sodo». La sua passione, oltre la scherma, è la magia: «Una

passione nata per gioco dopo aver seguito delle lezioni in dvd. Mi piace molto fare giochi con le carte, soprattutto quando sono in ritiro. Per me è diventato una sorta di anti stress e un modo divertente per vincere la timidezza». —

A.C.. BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.

TrovaRistorante

a Pisa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro