Quotidiani locali

Vai alla pagina su Pisa calcio
Il Pisa è pronto all’assalto nel derby

Pisa Sporting Club

Il Pisa è pronto all’assalto nel derby

Sfida decisiva per lo sprint promozione. Torna Ingrosso, tre punti necessari per blindare la terza posizione

PISA. Amici magari tutto l’anno, ma avversari irriducibili quando si affrontano nel derby. Il Pisa sa bene che il Pontedera stasera (ore 20.45, Arena Garibaldi) non farà sconti. Come sempre. E a maggior ragione ora che, lanciatissimi verso i playoff dopo sei risultati utili di fila, i ragazzi di Maraia cercano gli ultimi punti necessari a garantirsi un posto al sole.

Per i nerazzurri d’altra parte ci sono tre ottimi motivi per giocare al 100% delle loro possibilità.

ECCO I MOTIVI. Il primo è la necessità di mettersi alle spalle le scorie di Livorno, una sconfitta dolorosa soprattutto per il pubblico perché per chi ama fortemente – a Pisa l’avverbio giusto è follemente - i derby hanno un sapore molto diverso rispetto alle partite “normali”.

Il secondo è la possibilità saggiare le proprie potenzialità, perché agli spareggi-promozione bisognerà arrivare ben consapevoli di cosa si è in grado di fare. E il Pisa dell’Ardenza gli spareggi non li vincerebbe mai, perché quelle sono partite giocate sul filo dei nervi, dove non basta mettere in campo la bravura tecnica: quindi arriva davvero a proposito la sfida con il Pontedera, che ha un coefficiente di difficoltà altissimo vista l’intensità che i granata mettono sempre in questa partita .

E il terzo è la classifica. Contro Pontedera e Arezzo il Pisa deve puntare a fare il massimo per garantirsi il terzo posto, nella miglior posizione possibile della griglia nazionale. In pratica battere i granata e non perdere con gli amaranto significherebbe di fatto aver già eliminato un avversario, perché i nerazzurri salterebbero sia il primo che il secondo turno dei playoff di girone (secondo turno che invece la quarta classificata dovrà giocare).

Stasera non ci saranno esperimenti tattici, almeno in avvio, ma sono possibili cambiamenti nei nomi dei titolari, uno su tutti: sta scaldando i motori Gianmarco Ingrosso, che dopo la dolorosissima lussazione della spalla rimediata a Olbia contro l’Arzachena due mesi fa è pronto a mettere centimetri, esperienza e rabbia in mezzo al reparto arretrato. Chi giocherà con lui ? Lisuzzo è favorito su Sabotic al quale qualche giorno di riposo agonistico farà bene visto che sta giocando con un polso rotto (respect!).

A centrocampo bisogna fare i conti con le diffide: chi di coloro che sono già sulla linea gialla prendesse un cartellino ad Arezzo salterebbe la prima gara dei playoff, quindi l’eventuale turnover per Gucher è più logico pensarlo ad Arezzo, e per lo stesso motivo una chance in mediana stasera è maggiore per Izzillo che per De Vitis, se non sarà confermato Maltese. Mannini è tornato a correre ma non è al 100% e quindi rientrerà auspicabilmente fra otto giorni ad Arezzo. E in attacco Masucci è in ballottaggio con Negro per giocare accanto a Eusepi.

Domani tutte le altre gare : alle 14.30 Gavorrano – Alessandria, Siena – Cuneo, Arzachena – Livorno e Lucchese – Olbia; alle 20.30 Prato – Arezzo, Monza – Giana Erminio, Carrarese – Pistoiese e Piacenza – Pro Piacenza.

Riposa la Viterbese. Classifica: Livorno 63, Siena 61, Pisa 58, Carrarese 53, Viterbese 52, Alessandria 50, Monza 48, Piacenza 45; Pontedera e Olbia 43, Pistoiese 42, Giana e Lucchese 41, Arzachena 38, Pro Piacenza 35, Gavorrano 33, Cuneo 32, Arezzo 30, Prato 25.



TrovaRistorante

a Pisa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori