Quotidiani locali

Cacciatore, sesto podio consecutivo

Atletica amatori: ancora una medaglia tricolore per il supertifoso nerazzurro

PISA. Medaglia di bronzo nel lancio del peso per Romeo Cacciatore ai campionati italiani Csi disputati a Cles, in Trentino. L’ennesima affermazione ha consegnato un record assoluto all’assistente operativo dell’Enel, noto in città anche per la sua passione nerazzurra: nessuno mai era riuscito a salire sul podio nazionale per 6 anni consecutivi (anche più di una volta a stagione) nella categoria Amatori B Csi (che va dai 45 ai 55 anni) fra lancio del peso, del disco e del giavellotto, specialità di cui Cacciatore è stato campione nazionale.

L’Omoragnolo (questo il suo soprannome fin da giovane) ha ancora tre stagioni per allungare questa prestigiosa striscia. Intanto si gode l’ultimo, sudato, successo: «È stata una gara un po’ tribolata – ci confessa –, come tutto l’anno, durante il quale ho incontrato ostacoli nell’allenarmi come volevo. Comunque sono arrivato abbastanza in forma a questo appuntamento. Purtroppo però non sono stati buoni i primi lanci e fino all’ultimo tentativo ero al quarto posto. Poi tutto improvvisamente è cambiato, in una serie di colpi di scena: sono riuscito a piazzare 10. 82 metri, ma sono stato superato ed ero convinto di essere arrivato quarto. Invece ero terzo, a soli 3 centimetri dall’argento».

I primi a festeggiare il plurimedagliato lanciatore pisano sono stati i compagni e lo staff della Polisportiva I Passi, sempre a fianco di Cacciatore dalla ripresa dell’attività agonistica 5 anni fa. Grande soddisfazione al momento della premiazione, mostrando con orgoglio la bandiera rossocrociata della città. Una piccola amarezza per l’atleta del Cep: il lancio del disco. «La gara – ci spiega l’Omoragnolo – inizialmente era stata sospesa per maltempo, anche perché la pedana era diventata una piscina. Alla fine gli altri partecipanti hanno deciso di mettersi in gioco, ed anch’io ho accettato,
ma ormai avevo perso la concentrazione e le condizioni erano assurde. Non mi sono neppure riscaldato. Ho raggiunto appena 19 metri, circa 12 sotto il mio personale. Un peccato, perché per arrivare terzo mi sarebbe bastato ripetere la misura ottenuta ai campionati toscani». (m.b.)

TrovaRistorante

a Pisa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista