Menu

CALCIO A CINQUE

Il Soccer Five festeggia: promozione in B e fusione con il Cus

 PISA. Una cena ha suggellato la fine ufficiale di una stagione veramente positiva per il Pisa Soccer Five che ha conquistato la promozione in serie B di calcio a cinque.  Il cammino dei nerazzurri, specie nel 2011, è stato eccezionale se si considera che alla fine del girone di andata del campionato di C1, quindi alla pausa natalizia, i ragazzi di Piludu erano invischiati nella zona play-out: poi, una miracolosa rincorsa che prima ha portato al quarto posto finale, e dopo otto gare tra play-off regionali e nazionali, alla conquista della serie B dopo averla sfiorata nella passata stagione.  Come è arrivato questo miracolo? A spiegarlo è il presidente Renzo Serafini che, dopo aver confermato la fusione con il Cus Pisa nella prossima stagione, dichiara: «E' merito di tutti, anche mio. All'inizio, infatti, alcuni giocatori avrebbero voluto cambiare tecnico. Ho parlato con tutti e ho fatto capire che la mia fiducia per Mario Piludu era illimitata e che non lo avrei mai cacciato. E' stata una scelta coraggiosa che, fortunatamente, ha pagato. Sono molto contento per questo successo, ad un certo punto insperato. La serie B è un ritorno importante per la città e per noi. Vogliamo fare un ottimo campionato e per questo, visto che da solo sarebbe stato difficile, abbiamo deciso di fare la fusione con il Cus Pisa. Praticamente attingere al 50% da tutte e due le squadre più alcuni ritocchi dall'esterno. Faremo una squadra competitiva. Non va dimenticato, infatti, che i gialloblù sono stati nostri avversari nella finale regionale dei play-off».  Naturalmente felice il tecnico Mario Piludu: «Finalmente è arrivata questa promozione dopo due play-off amari. Nell'anno più difficile, siamo riusciti a centrare l'obiettivo. Vorrei ringraziare i ragazzi che, dopo un avvio difficile, hanno continuato a seguire le mie indicazioni nel bene e nel male. Penso che la svolta ci sia stata in avvio del girone di ritorno quando abbiamo centrato cinque vittorie di fila che ci hanno permesso, alla fine, di raggiungere i play-off. Poi, preso coscienza della nostra forza, siamo cresciuti durante i play-off dove abbiamo imposto la nostra esperienza. I successi sono tutti bellissimi, ma questo ha un sapore particolare, forse, perchè è l'ultima arrivata in ordine di tempo. Questo è il terzo torneo che vinco da allenatore, ma, certamente, è il più bello».  Capitan Suat Adili aggiunge: «Eravamo partiti per centrare la promozione dopo che l'anno scorso l'avevamo fallita di un soffio. Per vari motivi abbiamo iniziato malissimo, poi c'è stata la reazione e sono usciti i veri valori della nostra squadra che ha fatto un girone di ritorno esaltante. Pian piano abbiamo raggiunto una forma ideale nonostante l'età
media della nostra compagine fosse abbastanza alta. In questo caso l'esperienza ha fatto la differenza. Nei play-off abbiamo compito alcuni capolavori, specie nella prima gara con il Città di Massa che a mio avviso ha segnato la svolta della stagione. Poi è stato un crescendo fino alla promozione».

TrovaRistorante

a Pisa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro