Quotidiani locali

Non risponde ai parenti: novantenne salvata dai vigili del fuoco

Pisa: con un'autoscala si sono arrampicati al terzo piano, poi un’ambulanza ha trasportato la donna al pronto soccorso

PISA. Non riusciva né a muoversi, né a parlare. E aveva lasciato la chiave nella serratura interna della porta di casa. Momenti di terrore verso le 13 di lunedì 20 agosto in un appartamento di via Guido de Ruggiero, nel quartiere di Cisanello. I parenti della signora, che ha 91 anni, non sentendo nessun rumore dal pianerottolo hanno subito pensato al peggio, avvertendo i vigili del fuoco.

Lo hanno fatto dopo aver urlato a più non posso, incollati alla porta, nella speranza di sentire qualcuno rispondere dall’altra parte. Poi si sono rassegnati, telefonando al 115. I pompieri, giunti sul posto, hanno prima provato a forzare la porta, ma non riuscendoci hanno scelto di arrampicarsi, con l’impiego dell’autoscala, fino al terzo piano del condominio, entrando in casa da una finestra.

L’anziana, per fortuna, era viva. Ma non riusciva né a farsi sentire, né ad aprire la porta chiusa a chiave dall’interno. Il velocissimo intervento dei vigili del fuoco ha subito consentito a un equipaggio di un’ambulanza inviata dal 118 di soccorrere la signora, prima fra le mura domestiche per circa mezz’ora, poi al pronto soccorso dell’ospedale di Cisanello, dove la paziente è stata trasportata in codice giallo. Sul posto, per verificare la situazione, anche una volante della polizia di Stato.

In quei minuti interminabili, il quartiere si è letteralmente fermato. Molti, infatti, gli abitanti di via Guido de Ruggiero che si sono affacciati alla finestra per capire che cose stesse succedendo. «Sì, ho visto i vigili del fuoco arrampicarsi con l’autoscala ed entrare al terzo piano – spiega un residente – e inizialmente pensavamo al peggio. Poi, però, abbiamo visto i soccorritori rimanere lì per molto tempo e andare verso l’ospedale a sirene spiegate».

Insieme ai volontari, al pronto soccorso di Cisanello, si sono recati anche gli agenti della questura, che hanno parlato con la donna per capire meglio che cosa fosse accaduto.

Le sue condizioni sono buone, grazie al provvidenziale intervento prima dei parenti preoccupati, poi degli uomini del comando cittadino di via Matteotti. «Per fortuna sta bene, tutto si è concluso per il meglio – rimarca una vicina – ed eravamo preoccupati perché la signora è molto anziana».

TrovaRistorante

a Pisa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro