Quotidiani locali

Battuto anche il Parma, avanti tutta Pisa!

Coppa Italia: al 28' del primo tempo Zammarini va in gol, la squadra lotta e mantiene il vantaggio conquistando il passaggio di turno. Festa grande per i 1500 al seguito dei nerazzurri

PARMA. Un Pisa straordinario batte anche il Parma al Tardini e accede al quarto turno di Coppa Italia. La vittoria per 1-0 grazie al bel gol Zammarini alla mezzora è meritata per coraggio, personalità e voglia di vincere. Tante le occasioni create dai nerazzurri che hanno sfiorato più volte il raddoppio soprattutto nella ripresa . Nel finale Ceravolo stava per beffare Campani, ma non sarebbe stato giusto. La squadra di D'Angelo regala così una grande gioia agli oltre 1.500 tifosi nerazzurri.

Le squadre entrano in campo sulle note dell’Aida di Giuseppe Verdi mentre la platea nerazzurra fischia l’ex Luigi Sepe, protagonista in negativo della finale playoff a Latina nel 2013. Rispetto alla vittoria di Cremona ai rigori due soli cambi per il Pisa: Masucci torna titolare dal primo minuto al fianco di Moscardelli e l’esordiente Brignani va al centro della difesa in marcatura sull’altro ex Ceravolo, con Birindelli e De Vitis che prendono in consegna gli esterni Di Gaudio e Galano. Schemi collaudati: 3-5-2 per il Pisa, 4-3-3 per il Parma. Primo brivido al 10’ con il tiro al volo di Barillà che non esce di molto alla sinistra di Campani. La squadra di D’Angelo però reagisce con una bella azione sulla sinistra di Quinzio, sulla respinta di un difensore Lisi si inserisce e calcia a colpo sicuro ma Sepe si rifugia in angolo. Il Parma non trova sbocchi e il Pisa colpisce poco prima della mezzora: Lisi va via in contropiede e calcia in porta, Iacoponi tocca involontariamente favorendo l’inserimento di Zammarini che segna con un destro imparabile e va ad esultare sotto il settore dei tifosi nerazzurri, letteralmente in visibilio. Rete simile a quella che sbloccò la sfida di sette giorni fa a Cremona. Il Parma reagisce ma il Pisa rischia solo quando Campani tarda un’uscita e si scontra con Brignani.

La ripresa inizia con un bello striscione della Nord pisana per il tifoso gialloblù Matteo Bagnaresi a 10 anni dalla morte: "Ultras Bagna, Pisa ti ricorda". Applaude tutto lo stadio. Intanto De Vitis si fa male alla coscia destra ed è costretto a lasciare il posto a Marconi. I nerazzurri però non tremano, anzi si procurano tre clamorose palle gol per chiudere il conto. Prima Masucci calcia a lato su assist di Di Quinzio, poi un diagonale di Izzillo lambisce il palo e infine ancora Masucci manda alto di testa su perfetto cross da destra di Gucher. Si rivede anche Verna, subentra ad Izzillo, che potrebbe subito segnare ma non arriva per un soffio su una rovesciata di Moscardelli dopo l’ennessima volata sulla destra di Lisi che mette in difficoltà la difesa di casa che per poco non confeziona un clamoroso autogol. D’Aversa corre ai ripari e inserisce Da Cruz, Biabiany e Baraye. La reazione è affidata a una punizione di Stulac che sorvola la traversa e soprattutto ad un inserimento di Barillà, l’ex Trapani si incarta davanti a Campani e Zammarini recupera chiude provvidenzialmente in angolo. Ma sono ancora i nerazzurri a rendersi pericolosi con una punizione di Di Quinzio girata verso la porta da Zammarini, ma Sepe si supera con un riflesso eccellente e tiene in partita il Parma. Non è da meno Campani che compie una prodezza su un colpo di testa ravvicinato di Baraye su cross dalla destra di Da Cruz. Brivido a due minuti dal novantesimo su un cross apparentemente non troppo insidioso Campani respinge corto, la palla carambola su Brignani e finisce sul palo poi Lisi libera l’area. Serra concede cinque minuti di recupero nei quali il Pisa rischia solo all'ultimo secondo con un tiro a lato di Ceravolo . Zammarini decisivo, ma anche Gucher in una gara a ritmi più accessibili si è distinto per la grande qualità. Buono l'esordio di Brignani in quella che è l'ennessima vittoria di un gruppo che ha cambiato mentalità rispetto a pochi mesi fa. Tabellino:

PARMA-PISA

PARMA (4-3-3): Sepe; Iacoponi, Gagliolo, Gobbi, Di Marco ( 25’ st Biabiany); Rigoni, Stulac, Barillà; Galano ( 32’ st Baraye), Ceravolo, Di Gaudio ( 18’ st Da Cruz). A disp. Frattali, Baghera, Scavone, Di Maggio, Scaglia, Carriero, Baraye. All. D'Aversa.

PISA (3-5-2): Campani; Birindelli, Brignani, De Vitis ( 6’ st Meroni); Zammarini, Izzillo ( 18’ st Verna), Gucher, Di Quinzio, Lisi; Moscardelli, Masucci ( 31’ st Cuppone). A disp. Gori, Cardelli, Cernigoi, Verna, Bechini, Cuppone, Nacci, Giani, Negro. All. D'Angelo.

ARBITRO: Serra di Torino. Assistenti: Ranghetti di Chiari- Lo Cicero di Brescia. Quarto uomo: Baroni di

Firenze.

Rete: 28’ pt Zammarini.

Note. Serata calda, campo in ottime condizione.

Spettatori: 5.497 paganti per un incasso di 36.250 euro. Oltre 1500 i tifosi giunti da Pisa.

Ammonito: Gagliolo.

Angoli: 6-4.

Recupero: 2’ e 5'.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Pisa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Premio ilmioesordio, invia il tuo libro