Quotidiani locali

Vai alla pagina su Toscana economia
L’aeroporto Galilei raddoppia i suoi spazi: 37 milioni di euro e tre anni di lavori

L’aeroporto Galilei raddoppia i suoi spazi: 37 milioni di euro e tre anni di lavori

Martin Eurnekian e Roberto Naldi: "Cantiere al via entro fine anno, daremo un elevato livello di servizi ai passeggeri"

PISA. «Cambieremo totalmente la faccia dell’aeroporto». Conferenza stampa e folla delle grandi occasioni al primo piano dell’aeroporto Galilei. Comanda le danze Roberto Naldi, vicepresidente della società degli scali toscani e uomo forte di Corporacion America Italia. Al suo fianco, in particolare, Martin Eurnekian, nipote di Eduardo, presidente di Corporacion America, socio di maggioranza di Toscana Aeroporti.

La faccia del Galilei sarà cambiata con un’operazione di ampliamento e restyling architetturale che porterà l’aeroporto alla capienza di 6,5 milioni di passeggeri, per un investimento di 37 milioni di euro, con avvio dei lavori a fine anno e possibilmente completamento a metà 2021.

È l’intervento più pesante da quando il Galilei è a maggioranza e guida privata, il “bollino” di Corporacion sul nuovo corso dello scalo pisano. Al tavolo anche il direttore centrale vigilanza tecnica dell’Enac Roberto Vergari, il presidente della Regione Enrico Rossi, il sindaco Michele Conti e l’amministratore delegato di Toscana Aeroporti Gina Giani.

Il saluto tra Eurnekian, Naldi e Rossi
Il saluto tra Eurnekian, Naldi e Rossi


Solo grandi sorrisi e grandi propositi. Clima rinfrescato nei rapporti tra la società aeroportuale e l’amministrazione comunale, persino le dichiarazioni di Rossi e Conti, rispetto alla strada indicata da Eurnekian e Naldi, non differiscono granché.

Il progetto di ampliamento del terminal prevede la realizzazione di una fase uno per aumentare la capacità aeroportuale fino a 6,5 milioni di passeggeri annui. Al termine di questa prima fase, la superficie totale del terminal passerà da 35.900 a 63.800 mq con incremento di gate (da 16 a 23), varchi security (da 8 a 10) ed aree commerciali (+2.300 mq.).

«Il progetto di ampliamento del Galilei è in linea con i valori guida del Gruppo Corporacion America Airports, abituato a progettare e promuovere investimenti tesi a migliorare la funzionalità degli scali e la qualità dei servizi offerti nei 52 aeroporti gestiti in tutto il mondo. L’aeroporto di Pisa, prima porta di accesso alla Toscana, sarà presto dotato di un terminal idoneo a supportare la crescita dello scalo ed offrire un elevato livello di servizi ai passeggeri», dice Martine Eurnekian.

leggi anche:



La crescita del Galilei è confermata dai numeri preannunciati da Gina Giani: il Galilei a fine anno dovrebbe toccare i 5 milioni e 350mila passeggeri e forse qualcosa in più. Tanto che in questo periodo di alta stagione sono stati sfiorati i 650mila utenti mensili.

Naldi punta molto, in prospettiva, sul potenziamento dei voli intercontinentali: dopo Doha con Qatar Airways, «spero di riportare - dice - il collegamento con New York e anche altre linee grazie ai nuovi soci», il riferimento è all’accordo per il 25% delle azioni con una società legata al fondo governativo di Dubai. Ma lo sviluppo del Galilei passa necessariamente dalla disponibilità di nuove piazzole di sosta per gli aerei. «Stiamo trattando con l’Aeronautica Militare per allargarci nei loro spazi. Ora abbiamo 18-19 piazzole, avremmo bisogno di 25-30, speriamo di trovare l’accordo per altre quattro».
 

TrovaRistorante

a Pisa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro