Quotidiani locali

lungarno pacinotti 

Un’altra estate con i ponteggi all’ex Nettuno

Ancora ritardi dopo due anni dall’inizio dei lavori: il cantiere non sarà smontato ad agosto, ma solo ai primi di settembre

PISA

Ai primissimi di settembre verrà smontato l’enorme cantiere che imbriglia la residenza studentesca ex Nettuno che da almeno due anni tiene in scacco il Lungarno Pacinotti e la via Curtatone e Montanara. Il cantiere doveva liberare il suolo pubblico il 13 agosto, poi c'è stato uno slittamento alla prima settimana di settembre.

Le impalcature riguardano due differenti cantieri che verranno chiusi all'unisono: uno più datato e l'altro aperto ad aprile del 2018. Il primo fu impiantato per lavori di messa in sicurezza. L’altro, più recente, per la ristrutturazione del sottotetto a capriate lignee. L’importo di questo intervento è di poco più di 200mila euro. Lo slittamento della dismissione è avvenuto per un intoppo riguardante la Sovrintendenza pisana. Sotto il tetto, sulla parte della facciata esterna, ci sono manufatti scultorei a forma di rosa che dovevano essere restaurati. La Sovrintenendenza aveva individuato il tecnico-restauratore adatto, ma poi non ha potuto svolgere l’incarico, costringendo la Sovrintendenza a trovarne un altro in grado di svolgere il lavoro. L’incarico è stato affidato tre giorni fa.

Il cantiere che si affaccia sia sul Lungarno Pacinotti che su via Curtatone e Montanara è stato “adombrato” da quello della Sapienza. Ora che quest’ultimo è stato finalmente rimosso, rimane come cruccio dei residenti e dei commercianti quello dell’ex Nettuno. Il perché è presto detto. In una zona altamente abitata e trafficata del centro, in asfissia da posti auto, il cantiere sottrae una decina di stalli. Inoltre, toglie due spazi per il carico e scarico merci, oltre al transito regolare dei pedoni sul marciapiede di via Curtatone e Montanara.

I residenti e i commercianti lamentano poi che non si veda anima viva lavorare sulle impalcature. Dal Dsu, gestore delle residenze studentesche, assicurano che il cantiere sta procedendo e che gli operai stanno lavorando all’interno. La dismissione del cantiere farà progredire speditamente il cantiere del Comune per l’allargamento dei marciapiedi sul lungarno. Il Nettuno è un palazzo molto caro ai pisani e carico di storia. Una storia spesso travagliata. Nel 1974 è gestito dall’Opera universitaria, fra enormi difficoltà per la situazione strutturale dell’ex albergo. Solo nel novembre ’96 il bando per l’affidamento dell’incarico progettuale per la ristrutturazione per un valore di 5 miliardi. Il termine dei lavori, fissato per il novembre 2002, slittò al giugno 2003. L’ex Nettuno è dotato di 40 camere singole e 30 doppie con servizi al piano terra di supporto agli studenti quale

sala pc, servizio editoriale, sportello di informazione agli studenti, servizio fotocopie, consulenza sui contratti di locazione, attività culturali, relazioni col pubblico e al primo piano locali adibiti a rappresentanza. Su tutti i piani sono disponibili sale studio e ricreative. —

TrovaRistorante

a Pisa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro