Quotidiani locali

Devasta il bed & breakfast, poi rompe due porte a psichiatria

Pisa: furiosa lite in una camera di una struttura ricettiva nella notte fra domenica 13 e lunedì 14 maggio. Poi la paura al Santa Chiara

PISA. Prima il furioso litigio nella stanza del bed & breakfast, poi la violenza nel reparto di psichiatria del Santa Chiara. Nottata difficilissima nell’unità clinica a due passi dalla Torre per i medici dell’Azienda ospedaliero-universitaria pisana quella fra domenica 13 e lunedì 14 maggio. Il personale della struttura che era di turno in quel momento, infatti, si è dovuto difendere dalla furia di un giovane paziente che ha dato in escandescenza. Alla fine, il bilancio, è di tanta paura e di almeno due porte rotte.

La violenza, però, era iniziata qualche ora prima, in un b&b della città. Proprio lì, infatti, il giovane aveva prenotato una stanza insieme a un’altra persona. Poi la furibonda lite che ha provocato la devastazione della camera e diverse ferite a entrambi gli ospiti, tali da richiedere l’intervento di un’autoambulanza, subito inviata sul posto dalla centrale operativa di Livorno. Nel frattempo, il 118, allertava gli agenti della polizia di Stato, mentre la proprietà della struttura ricettiva mandava sul posto una persona per cercare di comprendere al meglio la caotica situazione. Gli arredi della camera, purtroppo, erano già stati distrutti.

Secondo una prima ricostruzione una delle persone coinvolte nella notte, dopo l’arrivo degli agenti, ha provato a scappare. L’altro, invece, è stato trasportato al pronto soccorso dell’ospedale di Cisanello, dove

è stato medicato e trasferito all’edificio 5 del Santa Chiara, dove c’è il reparto di psichiatria. Qui è ripresa la violenza. Il paziente, in escandescenza, ha distrutto due porte dell’unità operativa, tanto che la dottoressa di turno in quel momento, impaurita, ha deciso di chiamare il 113.

TrovaRistorante

a Pisa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori