Quotidiani locali

Troppi bulli e bimbi in piedi: sullo scuolabus arrivano le "guardie"

San Giuliano Terme: i ragazzini che frequentano le scuole primarie saranno accompagnati da personale specializzato. Il sindaco: "È per la loro sicurezza"

SAN GIULIANO TERME. Troppi litigi ed episodi di bullismo, tali da mettere a rischio l’incolumità degli alunni delle scuole elementari. Anche mentre sono a bordo degli scuolabus, prima e dopo le lezioni con le maestre. È proprio per arginare la violenza fra bambini e ragazzini che il Comune di San Giuliano Terme ha deciso di far scortare i mezzi scolastici da quattro addetti alla sicurezza. È quanto ha disposto il segretario generale dell’ente, Stefano Bertocchi. Stando a quanto messo nero su bianco dal dirigente, infatti, sui pullman «si sono verificati frequenti episodi che mettono in pericolo la sicurezza e anche l’incolumità degli alunni».

Segnali che hanno destato molta preoccupazione, soprattutto fra le famiglie. Sarebbero troppi i casi di violenza registrati fra la fine del 2017 e l’inizio dell’anno a San Giuliano Terme, tanto che «le condizioni di sicurezza continuano a rimanere problematiche», si legge nel documento firmato da Bertocchi. Attualmente – in base al nuovo contratto di servizio – la gestione tecnico-organizzativa del trasporto è affidata alla Geste, che assicura una sorveglianza periodica, mentre l’amministrazione solo con i propri dipendenti non ha modo di intervenire in modo efficace.

È per questo che il segretario generale si è rivolto all’esterno. Affidando l’appalto al raggruppamento di imprese Adigest – C.l.u.b. - B&B Service. È il soggetto aggiudicatario – da febbraio 2018 fino al termine dell’anno scolastico – del servizio di trasporto degli alunni. A loro spetterà assicurare l’accompagnamento sui quattro autobus degli scolari, precisamente quelli a servizio delle scuole primarie di Pappiana, Madonna dell’Acqua e Asciano. L’ente ha chiesto loro «l’impiego di personale in possesso di capacità di relazioni con i minori e di risoluzione di conflitti», si legge ancora nella determina pubblicata sull’albo pretorio del Comune. L’amministrazione spenderà 360 euro a settimana, cui bisogna aggiungere il 10% di Iva: in totale 5.760 euro.

Nel documento, per altro, Bertocchi fa notare che in una sentenza «emessa dalla Corte di Cassazione si legge che anche in mancanza di un obbligo normativo del Comune di disporre la vigilanza sul servizio di bus che accompagna gli alunni a scuola, l’ente è comunque tenuto a garantire la presenza di un accompagnatore, oltre all’autista, nella gestione del servizio di trasporto scolastico e in considerazione dell’età dei trasportati ad adottare tutte le cautele occorrenti per tutelare la sicurezza dei minori». «Siamo corsi ai ripari

– afferma il sindaco di San Giuliano Terme, Sergio Di Maio – e abbiamo preso questo tipo di decisione per garantire la massima sicurezza degli alunni. Io non sono preoccupato, ma è giusto disporre un presidio per dare maggiore sicurezza ai ragazzi e serenità ai loro genitori».

TrovaRistorante

a Pisa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori