Quotidiani locali

Sfondano la vetrina di una tabaccheria: inseguiti e arrestati

Due giovani bosniaci in manette per un furto nella notte su via Matteucci a Pisa. Sono sospettati di aver messo a segno almeno altri tre colpi con la stessa tecnica

PISA. Arrestati dopo un inseguimento in auto di due chilometri finito con l'auto dei ladri schiantata contro un camion. Si è conclusa così, nella notte tra il 5 e il 6 dicembre, un'operazione della polizia contro due ladri che avevano appena derubato una tabaccheria su via Matteucci, vicino a MediaWorld, sfondando la vetrata di ingresso utilizzando un tombino.

In mantette sono finiti due bosniaci di 18 e 20 anni, nomadi che da tempo vivono in città utilizzando una roulotte, ma arrivati tre anni fa da Olbia. Sono entrambi sospettati di far parte di una banda che negli ultimi giorni ha messo a segno almeno altri tre colpi con le stesse modalità. Succede tutto intorno a mezzanotte: ad accorgersi del blitz è un passante che avverte il 113. Sente dei colpi provenire dall'altra parte della strada, si volta e vede i due che, dopo aver sfondato la vetrina di un negozio con un tombino, fanno irruzione all'interno.

Agguantata la cassa, i malfattori hanno cercato di dileguarsi fulmineamente a bordo di una Fiat Panda bianca, poi risultata rubata, prendendo come via di fuga via di Cisanello, in direzione dell'ospedale cittadino. All'altezza di via Maccatella la vettura, come descritta dal passante, è stata intercettata da una delle due volanti. È iniziato un inseguimento rocambolesco per le vie del centro in cui i malviventi hanno iniziato ad eseguire una serie di manovre spericolate, che non hanno sortito esiti infausti solo per la scarsa affluenza di veicoli e passanti, a quell'ora alquanto esigua.

Pisa, sfondano la vetrata di un negozio con il tombino: arrestati Le immagini della polizia rivelano la "tecnica" dei banditi che potrebbero aver colpito in altri negozi

L'epilogo della corsa è avvenuto in via Canavari dove, dopo una curva presa in derapata, i malviventi hanno centrato un camion parcheggiato. A quel punto è cominciata la fuga appiedata dei malviventi che, seppur malconci, hanno provato in ogni modo a sottrarsi all'arresto, fino al punto di aggredire i due agenti sopraggiunti al momento della cattura, con i quali c'è stata una colluttazione conclusasi con l'ammanettamento a terra di entrambi i malviventi, che hanno comunque procurato lesioni agli agenti per giorni 5 e 7 di prognosi.
I due sono stati arrestati per furto aggravato, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e denunciati per la ricettazione del veicolo rubato.

All'interno dell'autovettura e indosso agli autori sono stati trovati numerosi arnesi atti allo scasso ed un coltello con una lama di 12 centimetri. Sono stati pertanto denunciati anche per il possesso e il porto dei richiamati utensili. L'incasso portato via, circa 400 euro in monete, è stato interamente recuperato dalla Polizia e restituito al commerciante. Il pm di turno ha disposto la presentazione dei due arrestati mediante il rito direttissimo. Oggi il Giudice ha convalidato l'arresto e ha disposto la custodia cautelare in carcere dei due soggetti, in attesa dell'udienza dibattimentale.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Pisa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista