Quotidiani locali

SICUREZZA

Atlete in campo, ladri negli spogliatoi

Rubati soldi, orologi e abiti nella palestra di via Possenti durante il match di volley Ospedalieri-Venturina

PISA. Si sono date battaglia in campo, ma negli spogliatoi hanno dovuto loro malgrado condividere la stessa amara sorpresa. L’incontro di pallavolo tra l’ Ospedalieri di Pisa e la Libertas Venturina si sarebbe dovuto concludere con un normale referto arbitrale. L’ultimo atto del match si giocherà invece nei prossimi giorni, quando i responsabili della società sportiva pisana si rivolgeranno alle forze dell’ordine per denunciare il furto subito. In questo caso, però, lo sport non c’entra. Archiviata la partita, l’associazione sportiva chiederà alle forze dell’ordine di cercare di individuare i ladri che venerdì, intorno alle 22, si sono introdotti nella palestra comunale di via Possenti svaligiando gli spogliatoi mentre era in corso il match valevole per la terza giornata del campionato di Seconda Divisione femminile, girone A. Soldi, orologi, piccoli gioielli, cellulari e abiti. I ladri non hanno risparmiato nulla, saccheggiando in pochi minuti le dodici postazioni allestite in ogni spogliatoio. A lanciare l’allarme è stata un’atleta pisana che, poco prima dell’inizio del terzo set, è entrata nello spogliatoio della squadra di casa trovando i borsoni rovesciati e privi di molti effetti personali (collanine, anelli, cellulari, orologi) e portafogli svuotati dai contanti. Stesso scenario nei locali della formazione ospite, giunta in terra pisana per la seconda trasferta stagionale. I ladri non si sono limitati a depredare borse e borsoni. Con un’attenta cernita, hanno portato via anche le giacche all’apparenza più costose. Un’azione rapida, passata inosservata ai tanti che, accompagnatori delle squadre e pubblico, popolavano la palestra. I malviventi sono entranti dall’unico ingresso dell’impianto sportivo (per ragioni di sicurezza deve rimanere aperto durante allenamenti e partite) e raggiunti gli spogliatoi posizionati a pochi metri dal campo di gioco hanno agito indisturbati. Le atlete (ragazze tra i 17 e i 22 anni) hanno potuto constatare i danni subiti solo al termine della partita, quando si sono rivolte ai carabinieri che le hanno invitato a sporgere denuncia. L’arbitro non ha potuto interrompere il match in quanto l’episodio, estraneo al match, si è consumato lontano dal parquet di gioco. Quello di venerdì è solo l’ultimo atto di microcriminalità consumato nei pressi della palestra, a più riprese “visitata” dai malviventi. Dal furto dell’auto subìta lo scorso anno da un allenatore, sparita dal parcheggio antistante l’impianto sportivo e poi ritrovata dalle forze dell’ordine a La Spezia, a finestrini infranti e piccoli furti. «Siamo dispiaciuti dell’accaduto - commenta amareggiato Cesare Di Cesare, presidente dell’Asd Pallavolo Ospedalieri - Più volte abbiamo denunciato

“giri” sospetti nella zona (a febbraio vennero rinvenuti 300 grammi di eroina nel giardino de vicino istituto Gambacorti, ndr) e tre anni fa abbiamo chiesto al Comune di poter installare a nostre spese un cancello per chiudere l’ingresso del parcheggio, ma attendiamo ancora una risposta».

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Pisa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista