Quotidiani locali

Vai alla pagina su Pisa calcio
Nuova Arena: dal parcheggio ai negozi, i dettagli del progetto - Video

Pisa Sporting Club

Nuova Arena: dal parcheggio ai negozi, i dettagli del progetto - Video

Pisa: i dettagli del progetto per la ristrutturazione dello stadio. E il presidente detta i tempi

PISA. «Conclusione dell’iter burocratico entro il prossimo aprile, inizio dei lavori in estate». Questa la tabella di marcia auspicata da Giuseppe Corrado, presidente del Pisa Sc, per il restyling dell’Arena. Il passaggio necessario deve essere ora la presentazione del progetto preliminare al Comune. In pratica, il dettaglio di come dovrà essere ridisegnato lo stadio, secondo quando ideato dallo Studio Iotti+Pavarani di Reggio Emilia che si è aggiudicato il primo posto nel concorso di idee promosso dalla società Ire (Innovation Real Estate) per conto del club nerazzurro. Il progetto preliminare dovrebbe essere presentato mercoledì 25 ottobre. E da quel momento scatteranno i tempi di legge per l’iter amministrativo. «Da elemento disturbante ad opportunità di riqualificazione», spiega così Paolo Iotti, sul sito internet dello Studio, l’idea alla base della “nuova” Arena.

Pisa, dalle demolizioni ai nuovi spazi: così il progetto di ristrutturazione dell'Arena Ecco, passo dopo passo, i dettagli del progetto per la ristruttuarazione dello stadio del Pisa - L'ARTICOLO

Tredici anni fa gli architetti vincitori si erano aggiudicati la progettazione del nuovo stadio del Siena, che poi però è rimasto sulla carta. La gara ad inviti promossa da Innovation Real Estate aveva visto la partecipazione anche degli studi Amdl Michele De Lucchi, Archea, Gensler, Marazzi, Obr e Populous. «Non è un oggetto di design - spiegano ancora gli architetti sul loro sito web - né un contenitore generico, introverso e autoreferenziale, ma uno spazio collettivo multifunzionale ed aperto a più livelli di fruizione, una nuova piazza contemporanea della città».

Procedere con un restyling dell’Arena significa che il nuovo stadio sorgerà sul sedime dell’impianto comunale esistente, «in una collocazione delicata ma eccezionale», così viene definita dallo Studio Iotti+Pavarani «a soli duecento metri da Piazza dei Miracoli». L’obiettivo? «La nuova Arena potrà generare un sistema fortemente interconnesso con il luogo, capace di raccoglierne tutte le potenzialità e ridefinire nuovi modi di fruizione del quartiere e della città intera».

Il progetto della “nuova” Arena è dimensionato su una capienza di 18mila posti a sedere e tutti al coperto, per un costo di 30 milioni di euro da “sostenere” attraverso un accordo con Invimit, società del ministero dell’Economia, in base alla legge sugli stadi che consente di avere finanziamenti a tassi agevolati. Anche per lo stadio rinnovato è prevista una suddivisione in quattro settori, con mantenimento e riqualificazione dell’attuale tribuna coperta, mentre si procederà alla realizzazione ex novo della gradinata e delle curve Nord e Sud. L’intero impianto prevede uno spazio pedonale in quota ad anello che costituisce l’ambito di ingresso a tribune e curve. I locali sottostanti sono destinati ad ospitare servizi, spazi commerciali e ricreativi, oltre ad un parcheggio da 400 posti auto.

Così Giuseppe Corrado sulla “nuova” Arena. «Siamo di fronte a una ristrutturazione - aggiunge - e quindi per legge qualcosa di storico deve rimanere. La tribuna coperta resterà inalterata nella sua struttura, ma verrà modernizzata. La capienza sarà di 18mila posti: il progetto iniziale era di 16.800, ma abbiamo fatto un’eccezione chiedendo allo studio di arrivare a questa soglia. Tutto lo stadio si restringerà a ridosso del campo da gioco, in particolare la parte dietro alla gradinata, e così si recupereranno 18 metri di strada. È prevista anche una gradinata con un anfiteatro per spettacoli all’aperto. Tutta la zona attigua allo stadio prenderà respiro, avrà più spazi: non sarà più uno stadio chiuso, spariranno le cancellate, ci saranno vie d’accesso e il filtraggio sarà molto più a ridosso delle tribune. Sono previsti 2.500 metri per le attività commerciali. Inoltre questo progetto ha un aspetto innovativo rispetto agli altri: un parcheggio con 400 posti auto».

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Pisa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista