Quotidiani locali

Vai alla pagina su Meningite in Toscana
Arrivano 4 vaccino-day contro la psicosi meningite
sos salute

Arrivano 4 vaccino-day contro la psicosi meningite

L'Asl somministrerà 5mila dosi nelle giornate di sabato fra fine gennaio e febbraio. Gli esperti: «Va tenuta alta la guardia, soprattutto per i ragazzi fra gli 11 e i 20 anni»

PISA. Quattro giorni di vaccinazioni straordinarie al sabato, dalla mattina al pomeriggio nei presidi Asl più importanti. Una campagna per spegnere la psicosi, arginare l'ansia e la paura per la meningite riaccesa dagli ultimi casi di fine anno. Troppe, davvero troppe le telefonate ricevute dai centralini dell'Azienda sanitaria locale di persone a caccia del vaccino contro il meningococco C, il batterio che da due anni tiene sotto scacco la regione inanellando un numero di casi sopra la media rispetto a quelli registrati per lo stesso ceppo negli ultimi anni. Sono stati 60 i casi di meningite C registrati fra 2015 e 2016 e in tredici casi sono stati mortali, quasi sempre per persone non protette dal siero. Uno scudo - dicono gli esperti - non solo determinante per scongiurare il contagio ma anche per creare un'immunità di gregge capace di ridurre al minimo il pericolo di infezione.

leggi anche:

Proprio con l'escalation di casi, la Regione a maggio del 2015 ha deciso di rendere gratuita la vaccinazione anche per le persone di età compresa fra gli 11e i 45 anni e non solo per i giovanissimi. Ma finora soltanto 750mila persone in Toscana hanno deciso di proteggersi, e soprattutto lo ha fatto soltanto il 70% degli under 20, la categoria ritenuta più a rischio di contagio. Questo proprio perché le richieste dei cittadini hanno seguito un andamento carsico, facendo registrare dei picchi proprio in coincidenza del riprensentarsi di casi. Così nei primi giorni dell'anno, solo a Pisa, il Cup è stato prese d'assalto ogni giorno da migliaia di chiamate. Mercoledì scorso da 9.800 telefonate. Così ecco la necessità dei vaccino day, programmati per il 21 e il 28 gennaio e poi di nuovo per il 4 e l'11 febbraio dalle 8.30 alle 16.30. L'Asl prevede di somministrare almeno 5.000 dosi in tutta la provincia. «I recenti casi avvenuti rendono ancora più necessario tenere alta la guardia soprattutto per i ragazzi di età compresa tra gli 11 e i 20 anni mai vaccinati o vaccinati da più di 5 anni», scrivono dall'Asl. Nella zona pisana i presidi aperti saranno in città e a Navacchio. A Pisa al Dipartimento di Prevenzione, Galleria Gerace 15. A Navacchio al distretto di via Tosco Romagnola. I cittadini con età superiore a 45 anni potranno accedere alla prestazione solo dopo aver pagato il ticket. Servirà comunque la prenotazione, da effettuare al numero verde 800-177744.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Pisa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista