Quotidiani locali

Abusivi della sosta: il vigile fa lo gnorri e la piazza è un far west - Video

Pisa: in Sant’Antonio l’agente multa le auto e ignora gli irregolari. Il sindaco Filippeschi bacchetta il prefetto

PISA. In fondo oggi, per Diaw e i suoi compagni, è una buona giornata. Certo, un freddo polare per un ragazzo abituato al clima di Dakar e arrivato due anni fa a caccia dell’italian dream. L’inverno se lo passa qui, fra gli abusivi della sosta, infagottato in un piumino rosso. L’estate sulle spiagge della Versilia, con un saccone pieno di pareo e asciugamani sulle spalle. Ci ha appena indicato un varco vicino alla facciata della chiesa. Trovare un posto libero in “zona saldi” è, quella sì, una caccia al tesoro. Così, un paio di giri in piazza Sant’Antonio e poi cediamo anche noi, ci lasciamo guidare ad un approdo sicuro.

Ok, Diaw, ecco il tuo euro, te lo sei meritato. Ma poi alziamo lo sguardo e veniamo colti da un improvviso e tremendo dubbio: che i vigili dall’altra parte della piazza siano qui per mettere in atto il nuovo piano del prefetto Attilio Visconti? Che il sindaco Marco Filippeschi abbia già firmato l’ordinanza con cui il responsabile del governo ha chiesto di varare una strenua guerra agli abusivi della sosta multando non loro ma gli automobilisti che, impauriti spazientiti inteneriti, cedono e sborsano il loro obolo? Dopo pochi secondi sono Diaw e i suoi quattro colleghi a rassicurarci: basta guardarli. Non sono per nulla intimoriti dalla presenza di due uomini e una donna in divisa dall’altra parte della piazza.

VIDEO Il nostro test

Pisa, il vigile multa le auto e ignora i parcheggiatori abusivi E’ successo martedì 10, in piazza Sant’Antonio a Pisa, uno delle zone “rosse” della città prese d’assedio dagli irregolari. Da una parte della piazza un gruppo di ragazzi del Senegal che indicano agli utenti i posti in cui posteggiare chiedendo loro di pagare un obolo per il “servizio”. Dall’altra un agente e un ausiliaria che staccano sanzioni per chi ha messo la macchina in sosta vietata. “Noi siamo qui per controllare la sosta – dicono candidamente – Non per controllare l’abusivismo, ma se la infastidiscono chiami la centrale…”. E intanto per contrastare il fenomeno il prefetto Attilio Visconti propone di multare gli automobilisti che pagano gli abusivi (video di Mario Neri) - L'ARTICOLO

Reciproca indifferenza: loro, i parcheggiatori, racimolano qualche soldo scovando stalli blu liberi per gli automobilisti, sguardo tenero con chi accetta di versare subito qualche spicciolo, mugugni e richieste insistenti per chi gira le spalle; i due ausiliari e l’agente, invece, stanno rifornendo le casse del Comune, e nel mirino hanno lo stesso bersaglio, gli utenti.

MAPPA: I PARCHEGGI "SOTTO ASSEDIO"

Sì, perché i vigili e i “precari” della Polizia municipale, ok l’abbiamo capito, non sono qui per dare il via alla battaglia di Visconti, ma neppure per contrastare le flotte di irregolari che popolano i parcheggi. No, l’agente sul lato opposto della piazza sta staccando una multa a una Citroen parcheggiata in sosta vietata.

- Una curiosità, agente - ci attentiamo - Bene la multa all’auto posteggiata male, legittima, si intende. Ma a pochi metri da qui c’è un gruppo di abusivi che agisce indisturbato.

- Ascolti un attimo - agita la penna contrito il vigile - Io sono qui per fare il controllo delle soste.

- Però non può controllare gli abusivi...

- Posso controllare anche gli abusivi. Ma devo chiamare una macchina di servizio perché io sono appiedato al momento e solo con l’ausiliaria. Ma qual è il suo problema, la infastidiscono?

- Ma l’hanno infastidita, ce lo dica se l’hanno infastidita, si fa avanti l’ausiliaria.

- No, si figuri, sono un giornalista agente, sto facendo un reportage.

- E io sto facendo un altro servizio. Se lei mi dice che le danno problemi o la infastidiscono posso chiamare la pattuglia, come può fare anche lei del resto

- Scusi, è evidente che si tratti di abusivi. Mi chiedevo se oltre a multare chi parcheggia in sosta vietata, fra le sue mansioni ci fosse anche quella di scoraggiare e sanzionare gli abusivi.

- Certo, come vede, sono in servizio a piedi, con un ausiliaria, e sono da solo, preposto al traffico. Devo fare un altro servizio. Se vuole faccia un esposto.

leggi anche:

«Assurdo - commenta Valeria Antoni, consigliera del Movimento 5 Stelle - Trovo sconcertante la proposta del prefetto e l’atteggiamento del vigile, pensare di colpire chi cede per paura o generosità è davvero paradossale. La lotta agli abusivi è una battaglia giusta, e va fatta con maggiori controlli, e non solo per i cittadini che ogni giorni subiscono le richieste pressanti di queste ragazzi ma che spesso vengono anche impietositi dalla loro condizione di marginalità. Da tempo sappiamo che questi ragazzi sono vittime di un fenomeno di caporalato, di un’organizzazione che si muove sul territorio come una cosca, li vessa e li sfrutta alimentando un racket. Cosa aspettiamo ad indagare bene su quello?».

TrovaRistorante

a Pisa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

LE GUIDE DE ILMIOLIBRO

Corso gratuito di scrittura: come nascono le storie