Quotidiani locali

la scoperta

L’affaccio sulla casa del conte Ugolino della Gherardesca

Terminato nel giardino di Palazzo Franchetti lo scavo archeologico nell’area occupata dall’abitazione del conte Ugolino: ritrovati i muri, i pavimenti e numerosi reperti

PISA. Poco più di un mese sono durati i lavori di scavo, uno dei pochi eseguiti nella parte di Mezzogiorno, per riportare alla luce i resti della casa del conte Ugolino della Gherardesca nella zona dove sorgeva il piaggione, un’area rimasta per secoli non edificata perché, secondo la tradizione, quell’edificio sarebbe stato demolito «con l’apposizione solita del sale».

Le operazioni, effettuate in regime di concessione ministeriale e iniziate a metà luglio, si sono concluse come da crono-programma, venerdì 26 agosto. Un ritmo serrato che ha visto impegnati un nutrito gruppo di archeologi guidati nella direzione scientifica da Monica Baldassarri e dal coordinatore scientifico Antonio Alberti, mentre alla stesura del progetto scientifico e di valorizzazione dell’area hanno collaborato Maria Luisa Ceccarelli-Lemut, docente di Storia Medievale e massima studiosa della famiglia Della Gherardesca, ed Evita Ceccarelli, presidente dell’Archeo Club d’Italia sezione di Pisa. Agli archeologi si sono affiancati gli operai del Consorzio 4 Basso Valdarno che hanno coadiuvato gli studiosi nelle procedure di rimozione del materiale terroso.

Prima dell’inizio degli scavi, oltre alla tradizione di età moderna, anche la documentazione scritta medievale rintracciata da Maria Luisa Ceccarelli Lemut testimoniava che nell’area nella quale oggi si trova il giardino del Consorzio 4 Basso Valdarno, al tempo nella cappella di San Sepolcro, erano ubicate alcune abitazioni dei della Gherardesca, la famiglia aristocratica che ebbe così tanta rilevanza non solo a Pisa ma in Toscana e in tutta l’area tirrenica e dette i natali al conte Ugolino di dantesca memoria.

Poiché le fonti medievali tuttavia non davano indicazioni topografiche precise due sono state le aree interessate dallo scavo: la prima, prospiciente il muro di cinta di Lungarno Galilei nel versante di Vicolo Del Torti (denominata Area 2000), l’altra a circa metà dell’ala del giardino ovest (denominata Area 1000).

L’area indagata nella porzione nord-est del giardino, prospiciente al Lungarno Galilei (Area 2000) ha permesso di riportare in luce una sequenza di strutture e livelli d’uso che si collocano tra il XII secolo e lo scorcio del XVIII secolo, confermando la presenza in questa zona degli edifici di proprietà del conte Ugolino della Gherardesca.

Della struttura abitativa posseduta da Ugolino rimangono alcune tracce, ben documentabili, che testimoniano l’avvenuta distruzione nei primi anni del XIV secolo, come per altro riportano le fonti scritte. Si conservano solo parzialmente il pavimento di un ambiente interno e quel che rimane di perimetrali esterni e tramezzi interni che furono oggetto di un sistematico smontaggio, in alcuni casi fino ai livelli di fondazione, secondo le leggi antimagnatizie in vigore nella Repubblica Pisana tra tardo Duecento e Trecento.

Su questo spazio, oramai libero da edifici dalla fine del XVI secolo, solo due secoli più tardi e dopo la seconda conquista fiorentina della città, fu organizzata un’area per la conservazione del grano, ossia il “piaggione” (prima di proprietà Mannaioni e poi Sbrana) testimoniato dai sei sili in laterizio che sono stati riportati in luce, rimasti in funzione in pratica fino all’inizio dell’Ottocento.

Lo scavo nella parte ovest del giardino, in posizione limitrofa all’attuale edificio sede del Consorzio (Area 1000) ha evidenziato una sequenza archeologica e una serie di strutture diverse, importanti tanto per confronto con quanto rinvenuto nell’altro saggio di scavo, quanto più in generale per la storia del quartiere di Chinzica e della città di Pisa tra medioevo e prima età moderna.

Sono stati infatti rinvenuti i resti strutturali (murature e pavimentazioni) e le stratificazioni relative di un grande edificio costruito nella prima metà del XII secolo, che hanno restituito importanti informazioni sull’urbanizzazione del quartiere di Chinzica e sull’edilizia cittadina in questo periodo.

A differenza dell’abitazione di Ugolino, questo edificio ha evidenziato tracce di frequentazione anche nel XIV e fino alla metà del XV secolo, periodo a partire dal quale nell’area sono state realizzate diverse ghiacciaie seminterrate, che probabilmente sono rimaste in funzione almeno fino al Seicento, ovvero nel periodo di proprietà dei Lanfranchi e fino all’insediamento della magistratura dei Consoli del Mare (magistratura che si occupava anche delle acque nel territorio pisano). Si tratta della prima volta che a Pisa sono state portate in luce strutture di questa tipologia, in quantità e con varianti costruttive di un certo rilievo.

In seguito tutti questi elementi hanno subito una prima demolizione per la realizzazione di un’area destinata a giardino, alla quale è seguito un intervento ancora più invasivo di rimozione dei depositi di età moderna per l’attuazione del progetto architettonico messo in atto da Alessandro della Gherardesca su incarico della famiglia Franchetti, che nell’Ottocento aveva acquisito la proprietà di questi immobili.

I numerosi reperti ritrovati relativi alla vita quotidiana e materiale in questi edifici (ceramiche, vetro, piccoli manufatti in osso o in pietra lavorati e monete, databili tra il XII e gli inizi del XIX secolo) saranno a breve restaurati per lo studio e saranno presentati al pubblico il prossimo anno.

Marco Monaco, presidente del Consorzio 4 Basso Valdarno “Ho fortemente voluto questo scavo archeologico, ed oggi i fatti mi danno ragione. I reperti e le strutture ritrovati sono basilari per conoscere la nostra storia, il passato da cui tutti discendiamo così intrinsecamente legato alla città nella quale viviamo. È un patrimonio inestimabile per la città, che vorrei rendere fruibile da tutti, perché Palazzo Franchetti è di proprietà del Consorzio, è la sede di questo ente, ma fondamentalmente appartiene a tutti i cittadini, e questa ricchezza può essere “sfruttata” in termini di ritorno economico e turistico. Per questo stiamo lavorando ad un progetto per una importante ristrutturazione del palazzo in grado di riportarlo ai fasti ottocenteschi, mentre nel giardino, anch’esso interessato da una riqualificazione con piantumazione di specie arboree più consone al paesaggio e alla sicurezza della città, è allo studio un progetto che, con una idonea struttura e in armonia con la nuova sistemazione del giardino, permetta di lasciare aperti e visibili gli scavi riparandoli delle intemperie e dall’usura del tempo. Certo non sono lavori che si possono fare in tempi brevi, ma intanto è stato fatto il primo passo in questa direzione”.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Pisa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro