Quotidiani locali

Movida a Pisa, storico locale chiude e si trasferisce

Pisa: piazza delle Vettovaglie perde un locale storico. La “Vineria” aveva riportato i vecchi sapori in centro

PISA. «Il nostro sogno era riportare un po' di pisanità in quella piazza». Dopo tre anni di resistenza, quella speranza è però svanita. Piazza delle Vettovaglie perde un altro storico esercizio commerciale. Uno dei tanti che ha provato a sfidare la movida e i (tanti) problemi mai risolti del luogo diventato negli anni il simbolo del divertimento notturno del centro cittadino, ma che alla fine ha dovuto cedere alla lenta, ma irreversibile trasformazione della piazza.

La “Vineria di Piazza”, che dal 5 agosto 2013 aveva riportato in quella zona i vecchi sapori della tradizione culinaria pisana e toscana, chiude i battenti e i Falciani, nome noto ai commercianti del luogo fin dai primi anni del Novecento, abbandonano la piazza. La sofferta decisione è arrivata a tre anni dall'apertura dell'osteria.

«Il lavoro nella piazza è calato - dice rammaricato Renzo Falciani, 68 anni, che con la moglie Paola e i due figli, Claudia e Andrea, ha gestito la tipica trattoria toscana -. L'ambiente, inoltre, non è l'ideale per un locale come il nostro».

Mentre si attende il via al piano di riqualificazione pensato, ma mai attuato, dall'amministrazione comunale per salvarla da quella che sembra un declino irreversibile, piazza della Vettovaglie perde un altro pezzo della sua storia e della sua identità. La famiglia Falciani, legata a quel luogo dai primi anni dello scorso secolo, sono stati i titolari di un negozio di pasta fresca in piazza dal 1992 al 2006. Dopo un breve trasferimento dell'attività a conduzione familiare nel comune di San Giuliano Terme, nel 2013 è arrivata la decisione di rilevare il locale e ritornare a lavorare in centro, nella stessa piazza dove quasi un secolo fa nonno Falciani gestiva un banco di marmo con pesce fresco. Una scommessa che si è rilevata perdente, nonostante l'apprezzamento dei tanti che hanno potuto gustare uno dei semplici, ma sempre squisiti piatti preparati secondo la tradizione toscana e le tantissime recensioni positive che il locale ha conquistato nella sua (breve) esistenza. «All'inizio ci è piaciuta l'idea di ritornare nella piazza in cui siamo nati - prosegue Renzo Falciani - riportando in quel luogo un po' di pisanità. Ma non ci siamo riusciti».

Con la piazza colonizzata di sera dalla movida, il locale spesso era costretto ad un'apertura limitata solo alle ore del pranzo. A questo si sono aggiunti i problemi mai risolti del luogo e un calo del passaggio dei turisti nella zona. «Non ci siamo più ritrovati in quel posto», aggiunge Falciani. «Adesso - continua - ripartiamo da zero». La tradizione della famiglia e la storia dell'osteria specializzata nella preparazione dei primi piatti continuerà sempre a Pisa, ma lontano dal centro storico. I titolari stanno valutando alcune zone dove riaprire il locale, ma distante dal centro cittadino «ormai finito interamente nelle mani della movida», nota Falciani con un pizzico di amarezza,

ma senza puntare il dito contro qualcuno, e auspicando un intervento per far ripartire piazza delle Vettovaglie e il centro storico. «Avevamo un sogno - conclude -. Ritornare in quella piazza e riportare lì un po' di pisanità. Siamo stati però costretti ad abbandonarlo».

 

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Pisa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro