Quotidiani locali

scuola

Cade intonaco alla Parmini: lezioni annullate, edificio chiuso anche mercoledì 16

L'episodio del cedimento poco prima delle 8 quando la palazzina era ancora chiusa

PISA. Debutto scolastico con intonaco cadente alla scuola primaria Parmini che oggi, 15 settembre, è rimasta chiusa. Alle 7,45 la squadra della sede centrale di Pisa dei vigili del fuoco è intervenuta nella scuola elementare per il cedimento di intonaco del solaio al primo piano dell'edificio. La superficie interessata è di circa un metro quadro.

Non si sono registrati danni a persone considerato che il cedimento si è verificato quando l'edificio era ancora chiuso. Sul posto gli assessori Serfogli e Chiofalo, tecnici del Comune, il dirigente scolastico, gli insegnanti ed i rappresentanti dei genitori. Per la giornata di martedì 15 sono state annullate le attività didattiche.

Il soffitto dove si è verificato un...
Il soffitto dove si è verificato un distacco di intonaco

Al termine del sopralluogo e di una riunione aperta a tutte le componenti della scuola, è stato deciso che mercoledì 16 la scuola resterà ancora chiusa. Le 5 classi del primo piano (dichiarato inagibile dai vigili del fuoco) andranno a scuola da mercoledì 16 alle vicine Oberdan. Mentre le 3 classi del piano terra (agibile) resteranno ancora a casa in attesa di ulteriori verifiche.

Se prevalesse poi l'ipotesi di non farle rientrare in attesa di interventi sulle strutture, saranno ospitate alle Gereschi o alle De Sanctis che si trovano nello stesso quartiere.

I lavori in somma urgenza, fa sapere il Comune, inizieranno la prossima settimana e avranno una durata di circa due mesi.

Riguardo al servizio mensa per le 5 classi del primo piano, sarà riorganizzato (da lunedì 21, come previsto) in una delle aule della Oberdan con vassoi sigillati all'origine e monoporzione, dopo autorizzazione dell'Asl e con il consenso dei genitori.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Pisa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori