Quotidiani locali

ateneo

Tre milioni di euro per la Sapienza

Il rettore Augello: "Possiamo dare una soluzione a quella tragedia cittadina che è la chiusura dello storico palazzo"

PISA. «Vediamo la possibilità di rendere concreto il percorso per dare una soluzione a quella tragedia cittadina che è la Sapienza».

Il rettore Massimo Augello ha inserito anche l’Università nel protocollo d’intesa firmato il 15 novembre da Regione e Comune, documento che di fatto è l’aggiornamento di accordi cominciati nel 2011. Il risultato sono 3 milioni di euro (sui 13 complessivi “girati” a Pisa dalla Regione) che arrivano per favorire la riapertura del palazzo della Sapienza, chiuso dal maggio 2012 per inagibilità dopo il terremoto in Emilia.


Intorno un quartiere che non chiede altro, colpito con la chiusura della sede storica della facoltà di Giurisprudenza da una crisi nella crisi. Augello, che già aveva ottenuto un altro contributo di 3 milioni dalla Fondazione Pisa, si prende un impegno: «Tra due o tre settimane approveremo il progetto definitivo, così in tempi brevi avvieremo quanto necessario per i lavori di consolidamento del palazzo».

Da Regione e Fondazione 6 milioni in totale, ovvero la metà di quanto occorre (12) per gli interventi nell’edificio. «Ho letto che qualcuno si meraviglia di non aver ancora visto il cartello dei lavori: meno male, perché il percorso di questa vicenda è rigoroso e sarà fatto un bando euro per affidare il cantiere», dice il rettore in replica ad una recente critica dell’associazione Amici della Bup, la biblioteca universitaria che ha sede nella Sapienza.


L’obiettivo è riaprire il palazzo entro ottobre 2016, quando scadrà il mandato di Augello.

Dall’intesa con Regione e Comune, l’Università ricava un altro milione di euro, questo destinato alla valorizzazione dell’Orto botanico facendolo diventare la sede di un polo museale storico dove riunire le principali collezioni dell’ateneo. «Lo sapete - dice il rettore Augello - che il nostro

Orto botanico è il più antico d’Europa insieme a quello di Padova? Quello però è un luogo splendido e Pisa non può essere da meno. Tra l’altro si affaccia su Piazza dei Miracoli, è davvero in posizione strategica. E ora vogliamo riaprire anche l’ingresso da via Roma».

 

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Pisa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro