Menu

L'eco-concime pisano vince l’Oscar Green

Il premio è stato ritirato dagli ideatori del Centro di lombricoltura a San Giuliano Terme

SAN GIULIANO. L'eco-concime prodotto dai lombrichi spazzini del Centro lombricoltura di San Giuliano ha vinto l'Oscar Green per l'iniziativa imprenditoriale più originale e green. Gli oscar sono stati assegnati da Coldiretti Giovani Impresa nell'ambito di Expo Rurale in corso al Parco delle Cascine a Firenze. Il premio è stato ritirato da Giulia Carpi che ha ideato e realizzato il Centro insieme a Marco Calcaprina e Paolo Burba.

I lombrichi-spazzini hanno avuto la meglio su decine di aziende toscane che quest'anno hanno partecipato al prestigioso premio dedicato all'agricoltura, ai giovani e alle loro straordinarie avventure imprenditoriali che esalta l'originalità, l'innovazione, la sostenibilità, la passione, le idee, la ricerca, ladiversificazione ed i progetti di filiera (info su www.pisa.coldiretti.it).

«I giovani che hanno scommesso nel settore primario - analizza Iacopo Galliani, Delegato Giovani Impresa Coldiretti Pisa - non sono solo motivati e con un maggiore orientamento all'innovazione dovuti appunto al grado di istruzione, ma hanno maturato anche una spiccata consapevolezza della rilevanza del patrimonio ambientale e culturale. L'obiettivo è modello di sviluppo più green e sostenibile. Queste esperienze ci raccontano di un comparto che vale il 3,5% del Pil regionale e che sta vivendo una fase di profonda trasformazione e riorganizzazione dove attività economica, tutela e rispetto paesaggio trovano una sintesi perfetta. I giovani sapranno garantire le certezze che oggi mancano».

Sono stati l'originalità, l'idea e la forte componente green a spingere il Centro lombricoltura sul gradino del podio più alto. L'humus di lombrichi o vermicompost prodotto dalla giovanissima impresa pisana (è nata da poco meno di 1 anno) è un concime perfetto per fertilizzare terreni, giardini ed orti domestici in modo completamente naturale, sano ed economico. L'azienda si sviluppa su poco meno di due ettari a San Giuliano Terme. La tecnica, così come il procedimento per ottenere il concime, è semplice: l'azione dei lombrichi trasforma-ricicla i rifiuti organici come per esempio scarti di verdura, frutta, fondi di caffè, gusci di uova tritati e letame in un fertilizzante biologico ricco di proprietà nutritive per il terreno (azoto, calcio, fosforo, magnesio e potassio) ed inodore. Tra le sue caratteristiche che lo rendono un prodotto unico l'aumento della porosità e della capacità di trattenere

l'acqua. Esperienza tra le più innovative del tessuto agricolo toscano, l'obiettivo del Centro lombricoltura Toscano è trasformare una potenziale pressione ambientale negativa, rappresentata dai rifiuti, in un prodotto ecologicamente vantaggioso e sostenibile.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Pisa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro