la procedura

Tra pochi giorni la giunta eleggerà i tre saggi

PISA. Con la nomina dei cosiddetti saggi, prevista nei prossimi giorni, prenderà ufficialmente il via il percorso che dovrà portare all’elezione del nuovo presidente della Confindustria pisana al...

    PISA. Con la nomina dei cosiddetti saggi, prevista nei prossimi giorni, prenderà ufficialmente il via il percorso che dovrà portare all’elezione del nuovo presidente della Confindustria pisana al posto di Pierfrancesco Pacini. Le modalità di elezione sono complesse e disciplinate dall’articolo 23 dello statuto.

    «Il presidente dell’Unione - si legge - è eletto dall’assemblea generale ordinaria in un anno pari, su proposta della giunta. A tale fine la giunta elegge a scrutinio segreto, nell’ultimo anno di mandato del presidente uscente, una commissione di designazione composta di tre membri, scelti tra imprenditori associati che abbiano maturato una significativa esperienza associativa, commissione della quale non possono far parte il presidente e i vicepresidenti in carica».

    Alla commissione - sancisce l’articolo 23 - «spetta il compito di esperire, in via riservata, una consultazione degli associati allo scopo di individuare uno o più candidati che riscuotano il consenso della base associativa».

    Sulla base delle indicazioni raccolte, «la commissione sottopone alla giunta le proprie proposte», non oltre 60 giorni dal conferimento del mandato. Alla giunta vanno comunque sottoposte «le indicazioni appoggiate da tanti associati che dispongano di almeno il 15% del totale dei voti».

    La giunta decide poi a scrutinio segreto, fermo restando che può scegliere un candidato diverso da sottoporre all’assemblea.

    In una riunione successiva a quella di designazione e antecedente all’assemblea chiamata all’elezione, il presidente designato presenta alla giunta gli indirizzi generali e il programma di attività.

    «Spetta alla giunta - si legge ancora all’articolo 23 dello statuto dell’Unione Industriale - proporre il nome del candidato all’elezione e l’assemblea elegge il presidente votando su tale proposta. Qualora la proposta venga respinta, va ripetuta la procedura di designazione. La carica di presidente è incompatibile con qualunque altra carica sociale nell’ambito dell’Unione».

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    19 luglio 2012

    Altri contenuti di Cronaca

    Annunci

    • Vendita
    • Affitto
    • Casa Vacanza
    • Regione
    • Provincia
    • Auto
    • Moto
    • Modello
    • Regione
    • Regione
    • Area funzionale
    • Scegli una regione

    Negozi

    ilmiolibro

    Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana

     PUBBLICITÀ