Quotidiani locali

Così Monteverdi tra arti, sapori e tanta solidarietà

MONTEVERDI MARITTIMO. Il bozzetto di Rossella Catalanotto, giovane grafica monteverdina, è stato scelto dalla giunta come marchio della Deco (Denominazione di origine comunale) che da subito accoglie...

MONTEVERDI MARITTIMO. Il bozzetto di Rossella Catalanotto, giovane grafica monteverdina, è stato scelto dalla giunta come marchio della Deco (Denominazione di origine comunale) che da subito accoglie nel registro ufficiale il prodotto tipico forse più famoso di questo territorio, la “Zuppa con scalogno” decantata vent’anni fa da Luigi Veronelli nel suo viaggio attraverso i sapori d’Italia.

La presentazione della Deco ha concluso domenica pomeriggio, con il favore di una giornata splendida, “Arti e Sapori”, la manifestazione organizzata dal Comune con la collaborazione delle associazioni locali, che per due giorni ha letteralmente trasformato piazza San Rocco ed il centro storico.

Tanta musica: dalla percussioni del gruppo diversamente abili di Follonica, al concerto di musica pop degli Amon; dalle canzoni soft di Viola Vivarelli al fragoroso e gioioso irrompere della Girlesque Street Band, il primo complesso di musica di strada tutto al femminile, alle raffinate interpretazioni dell’ensemble vocale “Voices in the wind”.

Ma non solo musica: Ugo Nati, avvocato milanese da qualche anno residente qui, ha presentato “Le pagine perdute”, il suo primo romanzo, un thriller che intreccia storie vere con il racconto fantastico di una complicata inchiesta; lo chef Matteo ha proposto un’ottima grigliata di pesce azzurro; e per i ragazzi è stato molto attivo il laboratorio di cucina “Pasticciando con noi”.

Infine, l’arte figurativa, con cinque noti pittori (Landi, Rossi, Biagioni, Filippi, Granucci), ha fatto bella mostra di sè in punti diversi del centro storico, lungo l’itinerario del pranzo itinerante. Con il Comune hanno collaborato alla riuscita della manifestazione le associazioni Badivecchia, Misericordia Pro Loco, Infood e la cooperativa Insieme. Senz’altro apprezzato

l’impegno organizzativo per valorizzare le Piazzarette, un balcone panoramico affacciato sulla Val di Cornia, troppo a lungo trascurato da residenti e turisti. Tutto l’incasso del pranzo itinerante a Monteverdi (foto a lato) è stato devoluto alle famiglie dei terremotati di Amatrice.

TrovaRistorante

a Piombino Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro