Quotidiani locali

Il Piombino è bello da vedere Ma il gol-partita lo fa il Cenaia

Una disattenzione difensiva e i padroni di casa passano nella ripresa. Buona prestazione ma troppi errori sottoporta

CENAIA

Tantissime occasioni, 90 minuti giocati a viso aperto e una prestazione ben al di sopra della sufficienza per quasi tutti i ragazzi di Riitano. Ma alla fine il Piombino esce dal Pennati di Cenaia con zero punti in tasca e una valigia carica di rimpianti. A compromettere l’ottima prova di Petrone e compagni, infatti, è stato il gol di Vaglini al quarto d’ora della ripresa che ha regalato il successo ai padroni di casa. L’unico gol del match è arrivato per colpa di una leggera disattenzione della difesa che si è fatta trovare impreparata sulla ripartenza dei locali. La palla è arrivata sui piedi di Pagano che dal fondo ha messo nel mezzo un pallone con il contagiri e il numero 11 è stato bravissimo a metterlo dentro di testa.

Peccato, perché le cose all’inizio si erano proprio messe bene, con i nerazzurri che sono scesi in campo più concentrati e motivati degli avversari. Il Piombino infatti già dai primi minuti è apparso in partita e ha provato a mettere in difficoltà il Cenaia in diverse occasioni. Ad avere due ottime possibilità per sbloccare il match è stato bomber Catalano che però non è stato abbastanza preciso e lucido per battere Serafini. Dopo pochissimi giri di orologio l’attaccante del Piombino si è trovato a tu per tu con il portiere avversario, che però è riuscito a ipnotizzare la punta salvando il risultato. Poco più tardi, di nuovo, l’estremo difensore di casa si è dovuto superare per mantenere la porta inviolata. Queste due parate fondamentali hanno tirato su il morale degli arancioverdi di Rovetini che a quel punto hanno alzato il baricentro e si sono spinti all’attacco per provare a dare una scossa alla partita. E così è stato. Nella seconda parte del primo tempo, infatti, il Cenaia è uscito fuori dal guscio e ha iniziato a creare qualche palla gol. E stavolta a essere chiamato in causa è stato Giacobbe che almeno con tre interventi decisivi ha consentito alla sua squadra di andare al riposo sullo zero a zero.

Nella ripresa, con il caldo e la stanchezza che iniziavano a farsi sentire da entrambe le parti, il ritmo si è leggermente abbassato e si è capito subito che, probabilmente, chi avesse segnato il primo gol avrebbe portato a casa i tre punti. Perciò, dopo un’ora di gioco, sugli sviluppi di un calcio d’angolo i padroni di casa hanno segnato la rete della partita. Il corner è stato ribattuto dalla difesa del Piombino che ha rilanciato in avanti forse un po’ troppo frettolosamente la palla. La retroguardia arancioverde, a sua volta, ha rinviato la sfera verso gli attaccanti e dal fondo Pagano ha pescato Vaglini. Con un colpo di testa preciso, l’attaccante ha risposto presente all’invito del compagno, trafiggendo Giacobbe e sbloccando il risultato.

Dopo l’1-0, i due allenatori hanno provato a cambiare il canovaccio del match, inserendo forze fresche. Ma, nonostante i nuovi entrati abbiano portato un po’ di sprint, il punteggio non è più cambiato. Negli ultimi minuti comunque il Piombino ha sfiorato il pareggio in un altro paio di occasioni. Ma ieri la fortuna ha girato le spalle ai nerazzurri che, trovando anche un Serafini in stato di grazia, alla fine si sono dovuti arrendere all’idea di tornare a casa a mani vuote. Peccato, perché per quanto visto in campo, i ragazzi di Riitano si sarebbero meritati almeno il pareggio. Forse ancora i meccanismi devono essere un po’ rodati, ma è una cosa che può accadere alla prima di campionato. Rocchiccioli e compagni comunque non hanno avuto alcuna paura degli avversari e in alcuni tratti dell’incontro avevano in mano le redini del gioco. Qualche rimpianto è normale averlo, soprattutto se si pensa alle occasioni sprecate. Ma è anche vero che se i nerazzurri continueranno a giocare così, difficilmente usciranno dal campo con zero punti come è accaduto

ieri. Ed è per questo che ieri giocatori e dirigenti hanno preferito guardare il bicchiere mezzo pieno. Di strada da fare ce n’è ancora tanta, così come di lavoro. Ma questo ko all’esordio ha dato anche diversi spunti positivi che possono far guardare al futuro con ottimismo. —

TrovaRistorante

a Piombino Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro