Quotidiani locali

calcio 

Conferme, progetti e obiettivi ben precisi Idee chiare al Salivoli

Martellucci rimane alla guida della prima squadra Cinquemani: «Vorremmo allestire anche gli Juniores»

PIOMBINO

Riparte con molte conferme e obiettivi ben precisi la nuova stagione del Salivoli calcio che, in attesa di tornare in campo per il campionato di Seconda categoria, si tiene impegnato su più fronti fra progetti estivi (come il Fiorentina Camp, realizzato a fine giugno) ed eventi fra sport e sociale, come la 24 ore di calcio (dedicata a Mauro Luci) prevista per il 3 agosto e il tradizionale appuntamento di “Un calcio alla Fop” fissato per il 2 settembre.

La prima squadra riparte con la riconferma dell’allenatore Fabio Martellucci, subentrato in corso d’opera l’anno scorso a mister Luca Balestri. «La squadra è riuscita, sotto la sua guida, a salvarsi dalla zona retrocessione, quindi per noi va benissimo così e l’abbiamo confermato – le parole di Andrea Cinquemani, direttore tecnico del Salivoli nonché allenatore, insieme a Enrico Giomi del gruppo dei 2004 che, nella passata stagione, hanno vinto il campionato – Quanto ai giocatori, sono stati tutti riconfermati e dovrebbe rientrare nella rosa il portiere Federico Specos che l’anno scorso aveva smesso per motivi di lavoro. Per il resto, si sa, il Salivoli fa mercato senza portafoglio, e quindi si limita a fare nel caso qualche scambio quando se ne presenta l’occasione. Per ora comunque non ci sono novità, mentre l’obiettivo di stagione è il solito: fare un campionato tranquillo».

Al di là della prima squadra, l’impegno del Salivoli è soprattutto «sul settore giovanile – dice Cinquemani – dove si riversano il 90% delle nostre risorse. Abbiamo iniziato in questi giorni a fare le riunioni. Come prima cosa dobbiamo decidere sulla Juniores. La nostra idea è di unire al gruppo preesistente, con alcuni 2001 in prestito al Venturina che hanno chiesto di rientrare, gli Allievi 2002 con i quali abbiamo fatto un po’ di fatica a sostenere la stagione l’anno scorso a causa del numero esiguo. Il progetto è di unire le due squadre facendo un campionato provinciale Juniores che, in un paio d’anni, porti più ragazzi possibili in prima squadra, dove l’età già adesso è molto giovane».

Lo sguardo della società va poi

anche fuori dai confini territoriali: «Abbiamo un gemellaggio da tanti anni con la Fiorentina – spiega Cinquemani – Cercheremo quest’anno di far interessare la società viola a qualche nostro bimbo. Ce ne sono un paio, secondo me, che un giro a Firenze potrebbero benissimo farcelo». —

TrovaRistorante

a Piombino Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro