Quotidiani locali

Piombino, peccato Milano fa il colpaccio, decisivi gli ultimi 40’

Partita tutto cuore della formazione di coach Andreazza Lombardi più cinici, il Golfo si gioca domenica il quarto posto

PIOMBINO. Match point per l’Urania Milano a Piombino nell’ultima domenica pomeriggio di regular season al Palatenda. Vincendo sul parquet gialloblù, i milanesi garantirebbero il terzo piazzamento nella classifica del girone A, condannando Piombino e Montecatini a battagliare per l’ultimo posto nobile del tabellone playoff.

Il Palatenda si riempie ancora una volta per uno dei più classici appuntamenti sportivi piombinesi, il match delle 18, e si tuffa subito in un primo quarto bellissimo tra due squadre che si affrontano dal primo minuto a viso aperto mettendo in campo qualità eccezionali. Per coach Villa dei lombardi il quintetto è composto da Santolamazza, Ferrarese, Negri, Eliantonio e Paleari. La palla a due se la aggiudicano gli oroneri ospiti ma è Procacci a sbloccare il tabellone con un buon canestro in penetrazione.

Le due squadre poi si studiano e, sbagliando pochissimo, iniziano a segnare senza esclusioni di colpi. Guerrieri da tre, Bianchi in penetrazione e Fontana dalla lunetta resistono al primo assalto ad opera di Negri, che colpisce da dentro e fuori la riga da tre, Ferrarese e Paleari. Botta e risposta che va avanti per tutto il quarto e continua anche dopo i primi cambi: dentro Laudoni e Sergio per Milano e Malbasa, Iardella e Crespi per Piombino. Iardella entra e segna la tripla del 16-11 che costringe coach Villa al time-out. Anche Crespi entra benissimo senza far rimpiangere uno statuario Persico.

Nel finale di quarto poi è Fontana a colpire in post alto con due fade away consecutivi che portano Piombino sul 24-19 dopo i primi 10 minuti. La seconda frazione continua a regalare spettacolo alla gremita tribuna del Palatenda e Eliantonio parte con due triple consecutive, a cui si unisce un’altra bomba del fischiatissimo Stefano Laudoni, conosciuto anche fuori dal campo per la sua popolare attività sui social.

Con un inizio così spinto di Milano, Andreazza chiama un time-out che rinfresca le idee ai suoi che rientrano e invertono subito la tendenza: Iardella entra, segna allo scadere, recupera in difesa e Fontana firma il 29-25. Il quarto va avanti senza cambi alla guida del confronto e si chiude sul 41-41 prima dell’intervallo lungo, risultato di una tripla di Fontana e due consecutive di Ferrarese per gli ospiti. La ripresa nasconde tantissime insidie per Piombino che cede ai colpi di Ferrarese, Negri ed Eliantonio fin dalle prime battute del terzo quarto. I tre milanesi si portano sulla doppia cifra di vantaggio e per il Golfo inizia a farsi veramente difficile.

Iardella continua a dare battaglia e insieme a Persico, sempre efficace sotto canestro, lasciano invariato lo svantaggio anche nel finale di quarto chiudendo sul 56-65 in vista degli ultimi 10 minuti per provare a riequilibrare il match. Sfortunatamente anche il periodo finale inizia sorridendo agli ospiti che trovano tre punti con il canestro più il fallo di Paleari e un’altra tripla del prolifico Negri.

Malbasa, Persico e Fontana, che continueranno a segnare non arginano però uno svantaggio che, con il passare del tempo, si fa sempre più incolmabile quando a soli 3 minuti dalla fine Piombino si trova a -13 dalla vetta. Nel finale due triple consecutive di Iardella servono solo a ridurre lo svantaggio finale fino al 78-84 che chiude il

match e lascia Piombino dietro Montecatini, in attesa dell’ultimo confronto in trasferta di domenica prossima.

Sarà un finale con il cuore in gola per il Golfo che dovrà lottare per strappare il miglior piazzamento possibile per la post-season.

Daniele Perini

TrovaRistorante

a Piombino Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik