Quotidiani locali

Rugby Rimateria domina nel derby

Elba travolta (48-15), nettissima vittoria (76-7) anche per il Rufus San Vincenzo con la Lunigiana

PIOMBINO. Rugby serie C: il Rimateria Piombino si aggiudica il derby del derby del Canale con l’Elba. Una partita a corrente alternata quella che si è svolta al Venturell” dei Diaccioni, un primo tempo che ha visto i padroni di casa sugli scudi tenere un buon ritmo costringendo gli avversari nella loro metà campo. Poi un secondo tempo con troppi momenti di pausa che hanno permesso agli ospiti di reagire prendendo spesso in mano le redini del gioco.

Il match inizia e i gialloneri vanno subito in vantaggio, al 3’, con una meta di Mannocci (5-0). Ancora il Rimateria in attacco e dopo dieci minuti da una touche sulla sinistra del campo la palla arriva al mediano Paladini che si guarda intorno, vede l’ala Ferretti dall’altra parte del campo, calciopassaggio e Ferretti prende la palla al volo e la schiaccia in meta (10-0). Il Piombino continua a pressare e tre minuti dopo arriva la terza meta con Pepi, Ferretti trasforma (17-0). La partita è in mano ai padroni di casa, ma questa convinzione fa rilassare i ragazzi di Bezzini, gli elbani ne approfittano e dopo una serie di azioni, al 38’, accorciano le distanze con una meta. Il primo tempo termina così sul 17- 5.

La seconda frazione inizia come la prima, il Rimateria al 2’ segna la quarta meta con Mannocci (22-5), ma gli elbani tre minuti dopo approfittano di uno svarione difensivo e realizzano la seconda meta (22-10). Ora la partita si fa più equilibrata con azioni offensive da tutte e due le parti, al 16° Puliti conquista una palla a centrocampo, con una progressione fa fuori i difensori, a pochi metri dalla meta viene placcato ma riesce a passare a Pallotta che realizza, Ferretti trasforma (29-10). Al 18’ l'apertura giallonera Lavista stoppa un calcio di liberazione dell’estremo elbano e galoppa fino alla meta degli avversari, Ferretti trasforma (36-10), ma l’Elba non demorde e dopo una serie di azioni pericolose accorcia le distanze al 21’ con la terza meta (36 – 15). Al 32’ nel momento di massima pressione degli ospiti con un contrattacco i piombinesi vanno ancora in meta con Dominici, Ferretti trasforma (43-15) ed è lo stesso Ferretti che sancisce la vittoria con un’altra meta allo scadere del tempo (48-15).

Una prestazione positiva quella dei piombinesi nella prima partita di campionato, il risultato non è stato mai in discussione, ma i gialloneri hanno avuto troppi momenti di blackout nella seconda frazione e questo, con squadre più attrezzate, avrebbe potuto essere un problema serio.

RIMATERIA PIOMBINO: Catinelli, Ferretti, Passante, Mannocci, Tronconi, Lavista, Paladini, Pallotta, Catta, Pepi, Patrone, Ghini, Dellorusso, Cilembrini, Dominici. A disp. e tutti entrati: Puliti, Volpi, Delle Sedie, Lupi, Canaccini, Bernardini, Batini. All. Bezzini.

ELBA: Pilato, Sava, Ghaida, Piacentini, Viganego, Esercitato, Arcari, Ascione A, Ascione F, Scagliotti, Candida, Vozza, Ercolani, Amoroso. A disp. Fabbri, Galletti, Nipani, Rosseau, Carminelli. All. Ghini.

RUFUS A VALANGA. Nella vittoria dei sanvincenzini sulla Lunigiana (76-7). All’esordio casalingo il Rufus si presentava ancora non al completo, con numerose assenze di un certo peso; vero è che la Lunigiana, formazione nuova nel panorama toscano e reduce da una sonora sconfitta con l’ottimo Rugby Lucca, non era sulla carta l’avversario più ostico da affrontare. Ma le partite si vincono in campo e i ragazzi di coach Dell’Omodarme hanno saputo ancora una volta vincere e convincere, provando anche nuove soluzioni in una situazione d’emergenza, come l’inesperto ma caparbio Favilli schierato estremo o il giovanissimo ma già strutturato Ortolano come secondo centro o il calciatore De Vivo che ha indossato la maglia numero 10 per la seconda volta.

La partita non è mai stata in discussione con il vice capitano Massei che segna già al terzo minuto, seguito a ruota da Feltrin e Catoni, per poi segnare egli stesso la meta del bonus già al 20’. Nel corso della partita andranno in meta capitan Mariotti, Ortolano, De Vivo (due volte) e poi ancora Feltrin e Massei che, segnando ben tre mete nella ripresa, arriva a siglare ben cinque segnature personali. Unico neo una meta concessa agli avversari grazie a un placcaggio sbagliato e una difesa per un attimo disattenta. Dalla prossima settimana, con la trasferta alla Spezia, il Rufus sarà messo a confronto con le altre tre formazioni in lizza per il passaggio nella poule promozione, ovvero in successione
il Golfo dei Poeti Reggio Calabria, Rugby Lucca ed Etruschi Livorno.

RUFUS: Catoni, Mazzarini, Bernini, Mariotti (c), Wagner, Canducci, Orsini, Arbolaez, Feltrin, De Vivo, D. Fontana, Massei, Ortolano, Balliu, Favilli. Dalla panchina: Niccoli, Dedej. All. Dell’Omodarme.



TrovaRistorante

a Piombino Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics