Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Stagione salvata dagli “stranieri”, il mare di città guadagna consensi

La spiaggia di Calamoresca (foto Paolo Barlettani)

Negli stabilimenti crescono le presenze di turisti del Nord Italia oltre che di ospiti tedeschi, olandesi, inglesi e svizzeri

PIOMBINO. Non va mai come si augurano (albergatori, commercianti, balneari…), ma poi ogni stagione finisce per evitare il flop grazie a quel qualcosa in più. Per l’estate 2018 la nota positiva è sempre più legata ai visitatori stranieri che siano olandesi, australiani o svizzeri, ma anche diversamente italiani tipo fiorentini, milanesi, torinesi...


Questo, almeno, per quanto riguarda gli stabilimenti balneari in città, dal centro storico ( “Teatro del mare” gestito da Simone Fiorenzani e Pari ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

PIOMBINO. Non va mai come si augurano (albergatori, commercianti, balneari…), ma poi ogni stagione finisce per evitare il flop grazie a quel qualcosa in più. Per l’estate 2018 la nota positiva è sempre più legata ai visitatori stranieri che siano olandesi, australiani o svizzeri, ma anche diversamente italiani tipo fiorentini, milanesi, torinesi...


Questo, almeno, per quanto riguarda gli stabilimenti balneari in città, dal centro storico ( “Teatro del mare” gestito da Simone Fiorenzani e Paride Moretti: un ristorante, un bar e più ombrelloni & c.) , fino a Calamoresca, passando per Salivoli.

Stabilimento Teatro del Mare, Emanuele Pinsocchi


Piazza Bovio. «Magari quest’anno c’è stata una partenza un po’più lenta – racconta il bagnino, Emanuele Pinsocchi – Ma luglio e agosto si sono annunciati e sono stati strepitosi». Per Pinsocchi questa è la seconda stagione di lavoro in città: «Sono stato a Malta, in Sicilia a San Vito Lo Capo – prosegue – ma sono di Pontedera ed ho la consapevolezza che già la Toscana è la Regione più bella, poi su questa costa il mare è eccezionale – Qui ci sono a disposizione 40 postazioni. Abbiamo anche abbonamenti mensili soprattutto di cittadini che sono tornati ad apprezzare pure il mare sotto piazza Bovio». «Ma sono arrivati – aggiunge Pinsocchi – molti olandesi, tedeschi, inglesi e svizzeri. I numeri delle presenze si faranno a fine settembre, ma è un bel movimento. Questo perché è stato fatto un buon lavoro di promozione al di là del mordi e fuggi e soprattutto sono tornati i piombinesi». I prezzi: sabato e domenica 18 euro, durante la settimana 15. Possibile anche la mezza giornata. «Questa estate pure tanti ragazzi, famiglie e sportivi – spiega Emanuele – grazie agli eventi di nuoto, pallanuoto e alle iniziative organizzate per il tentativo di record di apnea: qui, per altro, sarà confermata la base operativa di Stefano Macula per quando dovrà ritentare...».

Ai Bagnetti Salivoli (da sinistra) Cristiana Magrini, Chiara Caramante, Paolo Caramante


Bagnetti Salivoli. La sabbia dell’ultimo ripascimento ha regalato a Salivoli una stagione super, spiaggia libera compresa. «Purtroppo spesso non apprezziamo: ma prima di andar via eccoli, tutti i nostri ospiti, che si fanno selfie con alle spalle piazza Bovio e isola d’Elba...» conferma sorridendo Cristiana Magrini. Cristiana sempre al bar o sulla spiaggia col marito Paolo Caramante e la cognata Chiara. I Bagnetti Salivoli sono “storia di famiglia”: nati lo stesso giorno di Pietro figlio di Cristiana e Paolo, il 21 giugno del 1995. Contando sull’esperienza di Salivoli e sport del mare di Gennaro Caramante (che per primo ha pure introdotto il windsurf a Piombino, a metà degli anni Settanta) e della moglie Carla. Qui, al giorno 20 euro per ombrellone, due lettini e una sdraio (12 euro mezza giornata). «Un po’meno italiani – afferma Cristiana – ma più stranieri tra colombiani, australiani, islandesi: soprattutto famiglie con bambini grazie all’Rta Marina di Salivoli».

Stefano Feltrin sulla postazione salvataggio al Bagno Calamoresca


Bagno Calamoresca. Da tre anni ad occuparsi dei 48 ombrelloni c’è Stefano Feltrin: «Pienissimi soprattutto nel weekend – dice – eppoi, ovviamente, d’agosto». 23 euro al giorno per gli ombrelloni prima fila in alta stagione. Sennò 18 euro al giorno. «In estate sono qui in una natura fantastica – ricorda Feltrin – d’inverno maestro alla palestra Sakura Karate mi diverto in attesa di tornare... Lieve calo di presenze di italiani, tanti stranieri. Arrivano olandesi dal Park Albatros, tedeschi o inglesi grazie alla pubblicità del diving. Fantastico veder arrivare fiorentini che ci scoprono cliccando sul web “bellezze Toscana”...». Concentrandosi sui colori di mare e natura c’è da capire perché – pur sospirando – i balneari sussurrano “in giorni così non temiamo neppure la Sardegna! ” . –